Utente 291XXX
Salve sono un ragazzo di 19 anni,soffro di acne da circa sei anni e ora ne soffro ancora ma in forma molto più lieve.Naturalmente ne porto i segni,attraverso cicatrici rosse scavate più o meno grandi sulle guancie e vorrei trovare qualche modo per incominciarle a mandare via.Ho sentito parlare di terapia poco invasive come il laser CO2 o erbium,vorrei sapere se hanno effetti collaterali e se questi laser possono portare ad un risultato duraturo e visibile.!?grazie
[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
0% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2005
Gentile paziente,
la terapia delle lesioni residuali da acne è sovente complessa, soprattutto per quanto riguarda quelle scavate "a scodellino". Tenga conto che, non potendole rialzare, ed a questo proposito non serve, anzi, è deleterio tentare un filling per riempirle, bisogna ripianare la cute intorno. Sono necessarie tecniche comunque ablative: ottima la dermoabrasione ma che deve essere fatta da chirurghi veramente bravi perchè apparentemente semplice, è in realtà molto difficile. La soluzione del laser, a prescindere dal tipo di apparecchiatura, può essere utile. Il consiglio è come sempre, di informarsi e non di andare dal primo che capita o da qualche medico estetico d'accatto, ma da un professionista serio , possibilmente un dermatologo laserista, che faccia solo quello (ci sono alcuni professionisti seri in giro), non da tuttologi che promettono risultati miracolistici che di miracolistico hanno solo il gonfiarsi delle loro tasche.
Sia prudente ed usi il buon senso.
Se ha piacere, ci faccia sapere.
In bocca al lupo

Dr. Mocci
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Aggiungo alla esauriente dissertazione del Collega mocci, che in sede dermatologica e sopo una attenta valutazione della tipologia delle cicatrici (esiste addirittura più di una classificazione delle cicatrici acneiche) sarà possibile approcciare il migliore schema terapeutico che potrà prevedere anche (ma dovrà essere appunto stabilito) l'impiego di fonti di luce meno dannose per gli strati superficiali della cute come l'IPL con manipolo per ACNE.

Cari Saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA