Utente 697XXX
Salve sono un ragazzo di 26 anni e da circa 2 anni soffro di prostatite, con i seguenti problemi:
Difficoltà urinaria
Dolore pelvico pesistente
Dolore ai testicoli, con presenza di varicocele a sx di 1 grado ed epididimite lieve a dx
Difficoltà nel mantenere l'erezione nel rapporto
Dolore pelvico post eiaculazione
In passato presenza di e.coli nelle urine e nello sperma, debellato con ciproxin 1000 per 28 giorni
Psa nella norma
In questi due anni sono stato da molti specialisti, i quali mi prescrivevano cure antibiotiche continue con alfalitici, ma senza risultati evidenti, solo nella prima fase vi era la scomparsa dei dolori sovrappubici.
Finito il trattamento tutto tornava come prima
Cura di un mese con omnic,per i primi 10g giorni flusso regolarizzato ma poi tutto è tornato come prima
Da circa un paio di mesi, sotto prescrizione medica, ho provato nei rapporti, il cialis 10 mg con ottimi risultati, la funzione sessuali tornava alla normalità anche fino a 4 giorni, con erezioni mattutine altrimenti inesistenti.Anche i dolori pelvici e post eiaculazione scomparivano per poi ripresentarsi dopo qualche giorno. Stranamente anche il flusso urinario in quei giorni era normale e intenso, ora la mia domanda è questa:
Come devo comportartmi, dato che le cure antibiotiche nn funzionano, e se è opportuno anzichè prendere il cialis 10 mg, provare per un periodo con il ciali one day? Inolte volevo una vostra opinione sulla mia situazione.
Cordiali Saluti
Grazie per l'attenzione


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

se la terapia con antibiotici non funziona vuol dire semplicemente che la sua infiammmazione delle vie seminale, o che dir si voglia prostatite, non è sostenuta da microrganismi patogeni e quindi, in assenza di valutazioni colturali positive con relativo antibiogramma, è bene non assumere antibiotici.

Invece sugli schemi terapeutici da lei proposti non si metta da solo a fare l'andrologo ma , senza perdere altro tempo prezioso, riconsulti il suo specialista di riferimento e con lui studi la strategia terapeutica più mirata.

Un cordiale saluto.