Utente 118XXX
Gentili dottori,
ho già provato a chiedere dei consulti in altre specialità, ma non ho avuto risposta, forse non erano pertinenti.
Mia figlia , di 8 anni, accusa spesso dolori muscolari e mi dice che il cuore le batte forte; la pediatra sostiene che siano dolori di natura psicosomatica in quanto io sono reduce da una grave malattia. Le si gonfiano spesso le ghiandole del collo e ultimamente anche quella della testa, la pediatra dice che le si sono sensibilizzate a causa della mononucleosi che ha avuto all'età di 4 anni. Da alcuni mesi le si è gonfiata la falange dell'indice, abbiamo provato con antinfiammatori e laser terapia ma nulla la falange è gonfia e le fa male. Da alcuni giorni accusa un forte prurito al cuoio capelluto. Abbiamo fatto alcuni esami:VES(1ora)11, proteina c reattiva positivo++, reuma-test positivo+, waaler-rose positivo+, tit.antistreptolisinico 800, tampone faringeo positivo (staffilococco aureus)). Leucociti: gb 11,38- lin 24,0- n/gr 70,1- n/gr#,0. Poichè abbiamo fatto questi esami in un laboratorio privato, la pediatra non si è fidata e ci ha chiesto di ripeterli, ora siamo in attesa di risposta.Ora io mi domando se, visto il risultato delle analisi, i sintomi che accusa mia figlia sono realmente di natura psicosomatica o se invece non siano indice di una patologia. Cosa devo fare? A chi mi devo rivolgere?
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michele Spicola
24% attività
4% attualità
8% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Questa non è la sede pertinente per il suo caso.
Dovrebbe rivolgere il quesito alla Pediatria.
Le posso comunque consigliare di aspettare l'esito degli esami e di fare seguire sua figlia da un pediatra.
I disturbi che Lei ha riferito devono essere valutati in modo diretto e gli esami di laboratorio devono essere sufficentemente affidabili.
Trarre delle conclusioni in questa sede può essere fuorviante.
Aspetti che la Pediatra arrivi ad una diagnosi alla luce del quadro clinico e dei risultati delle nuove analisi.
Cordiali saluti.