Utente 926XXX
PER FAVORE LEGGETE E RISPONDETE ANCHE SE BREVEMENTE: Vi informo a titolo indicativo che sono in attesa di esami per stabilire la causa di una progressiva riduzione del Ferro per sanguinamento gastrointestinale occulto (Hemoccult positivo su 3 campioni), ma stando alle cose sembra visto la presenza del problema da diversi mesi non si tratterebbe di una situazione seria. Presento infezioni intercorrenti soprattutto urogenitale e respiratorio a carattere influenzale.
Nella notte tra Sabato e Domenica dopo una giornata di intenso lavoro muscolare ho avvertto sudorazione fredda, tremori, ronzii auricolari ed una sensaione di fame particolare per le fette di pane con il miele che mangio di abitudine. Erano le tre, ma ho aspettato nel dormveglia fino alla mattina dando colpa allo stress e a l' ansia arrecata dal superlavoro. La mattina ho iniziato a perdere di forze e vedere annebbiato fino a non riuscire a camminare se non sostenuto. Ho preso un abbondante bicchiere con parecchia acqua zuccherata perche avevo molta fame ma anche nausea per mangiare. Mia madre ha chiamato l' autoambulanza. Sul posto i medici del 118 mi hanno effettuato un ECG e misurazione di Pressione Arteriosa e Saturazione: Tracciato qualità dei dati impedisce interpretazione, Tachicardia 123/min. - P.A. MAX 107, MIN 67 - Saturazione SP02 100%. Successivamente mi hanno misurato la Glicemia con una macchinetta dopo avermi prelevato del sangue da un dito ed è risultata a 52 mg.% primo prelievo e fino a raggiungere i 95 dopo una infusione glucosata e.v. 33%. + Diazepan. Mi sono rifiutato del ricovero da loro richiesto perchè avevo molta paura ma sono ripassati per un controllo. Per tutta la giornata non sono stato molto male, ma questa mattina ho riavuto gli stessi problemi risolti assumendo molto zucchero. Continuo ad avere molta stanchezza, fame continua e senso di instabilità. Ho già avvertito il curante che dovrebbe recarsi domani mattina in quanto ho anche la febbre (37.5-38°C) causa influenza e pertanto non mi posso muovere da casa. In alcuni esami fatti mesi addietro a seguito di ripetute sindromi influenzali la Glicemia era risultata più volte al limite o addirittura sopra i 110. Secondo voi questo problema da cosa può dipendere. _ GRAZIE!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore, nonostante la dovizia di particolari, sono tanti i dati utili per un orientamento corretto che mancano.
Il valore riscontrato dal 118 di 56 mg/dl è sempre un valore di glicemia determinato su sangue capillare e pertanto più basso rispetto al valore che si può riscontrare su sangue venoso. I risultati determinati con glucometro possono risentire di numerose variabili esterne che vanno dal tipo di glucometro utilizzato alla modalita di esecuzione del test. Questo genere di strumenti vanno bene per monitorare chi ha già una diagnosi di diabete e non sono validati per fare diagnosi.
Eseguirei degli esami di laboratorio al più presto senza eccessivi allarmismi.
Nel frattempo dia qualche notizia su eventuale familiarità, o sulla sua storia clinica.
In attesa di ulteriori notizie le invio i miei più cordiali saluti.
[#2] dopo  
92648

dal 2010
Non ho familiari diabetici, può un protratto sforzo fisico causare ipoglicemia e sensazione di estrema debolezza considerando che non sono tanto forte di mio? Domani contatto il mio medico. Per il momento vorrei sapere se esistono forme di diabete che in assenza di terapie possano determinare anche ipoglicemia. GEAZIE!
[#3] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Gentile Signore, uno sforzo fisico protratto o un digiuno prolungato possono far scendere i valori glicemici verso il limite inferiore, ma queste riduzioni non sono mai pericolose in quanto gli ormoni controinsulari (glucagone), riequilibrano la condizione metabolica. Forme di diabete non trattate farmacologicamente che danno ipoglicemia invece che ipeglicemia, non esistono.
Potrebbe esserci una condizione di iperinsulinismo, anche se improbabile visto il suo normopeso.
La cosa più sensata è eseguire gli esami di laboratorio, fare congetture lascia il tempo che trova.
Cordialmente