Utente 831XXX
Buongiorno...
sono un po´disperata e spero di trovare risposte e conforto tra voi medici della mia adorata Italia. Io e mio marito viviamo da tempo il problema dell´impotenza e del calo (suo) del desiderio sessuale.
Per farla breve, siamo entrambi 30enni e abbiamo rapporti meno di una volta a settimana. Nei periodi peggiori siamo scesi anche a una-due volte al mese. Di più è impossibile perché mio marito non riesce a raggiungere l´erezione e mi sembra una forzatura da parte mia.
Abbiamo vagliato la possibilità che si tratti di un problema psicologico e mio marito è stato in terapia da una sessuologa/psicologa per mesi, ma con risultati scarsi.
C´è da dire che il problema di impotenza e calo desiderio scompare praticamente del tutto quando siamo in vacanza in luoghi caldi e assolati, allora riusciamo ad avere rapporti anche quotidianamente.
Dal momento che viviamo in un Paese nordico, quando l´inverno sopraggiunge e la luce del sole si fa ridotta, la nostra sessualità diminuisce drasticamente, mio marito è sempre stanco e non ha desiderio.
La sua stanchezza è tale da non riuscire nemmeno a giocare a tennis per un´ora, si stanca prima di me, una donna non particolarmente allenata e deve fermarsi ogni dieci minuti per riprendersi.
Io personalmente penso che il problema sia di tipo fisico, penso che possa essere dovuto a un calo di testosterone (o qualcos´altro, ditemi voi!) dovuto alla ridotta luce solare. Mi sembra impossibile che un uomo in piena salute fisica sia così debole e stanco. Cosa dovremmo controllare?
Se fosse un problema esclusivamente psicologico non si risolverebbe del tutto quando soggiorniamo in Paesi caldi... e in questa maniera così incredibile (da meno di una settimana a tutti i giorni).
Mio marito non è particolarmente stressato, ha un lavoro sicuro, non abbiamo (ovviamente e purtroppo) figli e viviamo in un appartamento di proprietà.
Non ha problemi di salute al momento, anche se in passato (2002) ha subito un intervento chirurgico. Che lui sappia non ha mai avuto problemi di varicocele o che interessassero l´apparato riproduttivo.
Andando da un andrologo quali esami ci consigliereste? Da cosa potrebbe dipendere questo calo del desiderio e quest´impotenza?
Avete qualche idea o qualche consiglio per prodotti anche naturali che mio marito potrebbe assumere?
Vi prego di darmi una risposta perché dopo 7 anni siamo sull´orlo del divorzio.
Vi ringrazio tantissimo anticipatamente per il meraviglioso lavoro che fate su questo sito e sicuramente anche nei vostri studi.
Distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ivano Morra
40% attività
4% attualità
16% socialità
PINEROLO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
buonasera gent.le sig.ra,
la scarsità di interesse nei suoi confronti è senza dubbio la spia di una situazione di disagio; solitamente a 30 anni è raro riscontrare un problema organico, con maggior frequenza sono problemi psicologici o relazionali.
il ruolo fondamentale è quello del psico-sessuologo, la farmacologia può essere un utile complemento.
il dosaggio ormonale è senza dubbio utile al fine di corretto inquadramento del problema.
cordiali saluti



[#2] dopo  
Utente 831XXX

Iscritto dal 2008
Gent. dott. Morra,
la ringrazio moltissimo per la sua risposta!
Mio marito mi riferisce anche di aver notato che le erezioni mattutine si fanno sempre più rare e anche quelle notturne, per questo pensiamo a un problema di origine fisica.
Inoltre se il disagio fosse nei miei confronti, perché sparisce del tutto in vacanza? E a cosa è dovuta la sua mancanza di energie nelle attività sportive?
So per certo che non mi tradisce, perché nell´arco di questi 7 anni abbiamo cambiato città e regione tre volte per motivi di lavoro e sarebbe stato difficile trovare un´amante alla velocità della luce nella nuova città. E alla sera non esce mai.
So che un disturbo fisico è raro alla nostra età, ma avendo anche avuto sedute da una psicosessuologa senza grossi risultati, è l´ultima spiaggia per cercare di capire.
[#3] dopo  
Dr. Ivano Morra
40% attività
4% attualità
16% socialità
PINEROLO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
buongiorno gent.le sig.ra,
direi che un controllo completo di esami ematochimici e dosaggi ormonali sia doveroso per inquadrare bene il problema.
affronti a questo punto il roblema con un buon andrologo.
cordiali saluti