Utente 126XXX
Ecco in sintesi la mia situazione:
uomo di 37 anni, altezza 1.75, peso 68 kg, non fumatore, talvolta soggetto ad emotività/ansia, presunta familiarità con ipertensione per parte di madre, finora senza terapie in corso.
Dopo qualche tempo di valori pressori nella norma, mi sono tornati ultimamente fuori range, soprattutto per la minima intorno agli 85 / 90.
NOTA BENE: nelle misurazioni immediatamente successive, forse perché mi tranquillizzo, tali valori scendono. Scendono inoltre considerevolmente se misuro dopo 20' di jogging (riscontro anche 117 / 71, 114 / 79, 117 / 64).
L'altro ieri, dopo una giornata particolare, dopo le prime misurazioni l'andamento è stato questo: 145 / 92, 121 / 84, ma poi 135 / 93, 139 / 95 e... 157 / 102! Inutile dire che sono andato in stato di agitazione e nella giornata di ieri ho avuto anche 173 / 102. Sono poi andato a correre, e fortunatamente mi è tornata anche a 122 / 69, 117 / 64.
Oggi sono stato dal medico, gli ho descritto quanto sopra, mi ha misurato la pressione (avevo 155 / 90) e, valutando la familiarità all'ipertensione e nonostante sia stato un episodio forse dovuto ad ansia-agitazione, mi detto di iniziare questa terapia:
1 co. di PRITOR 40 mg al mattino.
DOMANDE:
- questa terapia ha eventuali controindicazioni (io non posso prendere ad es. FANS)?
- posso continuare ad andare a correre mentre ho questa terapia in corso, o la pressione rischia di "scendere troppo"?
- soprattutto: iniziata questa terapia, devo poi continuare per sempre o, qualora i valori dovessero stabilizzarsi, posso sospenderla (sempre dietro consulto medico)?
In altre parole, queste terapie antiipertensive creano poi una sorta di "dipendenza"? Mi conviene allora aspettare ancora qualche giorno per capire se il picco di ieri era dovuto solo a stress/agitazione?
Grazie molte per la cortesia.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la terapia indicata non ha specifiche controindicazioni se non in particolari condizioni che non sono tuttavia la sua; il farmaco può essere assunto indipendente dalla attività fisica ma è ovvio che i valori pressori vanno a distanza di almeno 14gg ricontrollati, non è detto infine che debba "per sempre" assumere tale terapia, la cui sospensione o continuazione è sotto l'egida del cardiologo o del curante.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottore, la ringrazio per la chiarezza e la tempestività della risposta.
Le chiedo ancora una cortesia e un consiglio rispetto alla mia situazione di cui sopra:
con la speranza che i miei valori pressori possano tornare normali senza ricorrere a farmaci, non ho ancora iniziato la terapia con il PRITOR, bensì mi sono limitato a 2 pastiglie di valeriana: ieri sera, poco dopo la prima misurazione un pò alta, avevo 127 / 72.
Posso dunque tentare di NON iniziare per nulla la terapia se dovessi riscontrare valori normali di pressione per almeno 1 settimana (come accadeva, per altro, fino a soli 3 giorni fa)?
Ovviamente terrei al corrente il mio medico curante, ma vorrei ancora fare questo tentativo ritenendo che i forti sbalzi di questi 2 ultimi giorni siano stati conseguenza di ansia e stress particolari.
La ringrazio ancora: come potrà capire si tratta per me di un'occasione in più, non vorrei essere costretto ad una terapia per un episodio emotivo che spero possa risultare appunto tale (iniziando invece subito la terapia non lo potrei sapere).
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, spero che i suoi tentavi di terapia naturale siano andati a buon fine.
Ancora saluti