Utente 123XXX
Sono un ragazzo di 22 anni. L'anno scorso ho fatto una visita andrologica di controllo e mi è stato diagnosticato il frenulo corto. Posso scoprire tranquillamente il glande, ma la cute mi rimane in tensione nella zona del frenulo e conseguentemente non posso "srotolarla" completamente.
Mi è stato detto che non era necessario operare per sistemare la cosa e che probabilmente con il sesso il frenulo si sarebbe rotto da solo. Fino ad ora nn ha dato segni di cedimento di alcun genere, ma se ho più rapporti di seguito comincio a sentire bruciore nella zona del frenulo che si sovrappone alla sensazione di piacere e spesso la annulla portandomi ad avere dei rapporti lunghi che dopo un pò debbo interrompere in quanto non riesco a raggiungere l'orgasmo a causa di questa sensazione di bruciore.
Questa sensazione è riconducibile al frenulo corto o possono esserci altre cause?
Nel caso la causa fosse effettivamente il frenulo corto sto pensando di sottopormi ad una frenuloplastica, e volevo sapere se ci sono controindicazioni all'intervento quali diminuzione della sensibilità, o altre conseguenze, che data la non gravissima situazione in cui mi trovo mi sconsiglino l'operazione.
Inoltre vorrei sapere il tempo medio di recupero post operatorio necessario per tornare ad avere rapporti sessuali. e dato che vorrei tenere la cosa privata con la mia famiglia vorrei anche sapere indicativamente il costo di tale operazione per essere sicuro di avere sufficente disponibilità economica.
Se può darmi delle delucidazioni in merito le sarei davvero grato, la ringrazio in anticipo per il suo tempo.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,trovo aberrante aspettare una lacerazione spontanea...se ha fastidi,conviene risolverli chirurgicamente.L'intervento è in anestesia locale e dopo una ventina di giorni potrà riprendere l'attività sessuale.Quanto ai costi non esiste uno standard ma,con qualche conoscenza,può ricorrere alle strutture pubbliche in regime di convenzione...per non aspettare troppo. Cordialità.