Utente 114XXX
gentile dottore, sono una ragazza di 24 anni e ho un problema con mio marito; stiamo insieme da 12 anni di cui 2 anni di matrimonio, e da un pò di tempo mio marito ha dei problemi riguardanti l'erezione, mi spiego il desiderio sessuale esiste ma non avvenendo l'erezione il rapporto ovviamente non avviene. Lui ne ha parlato con il suo medico generale e il medico gli ha consigliato di prendere il viagra ma si può prescrivere a soli 26 anni il viagra? Per lui è stato un trauma perchè pensa se ora prendo il viagra dopo che devo prendere? io cerco di rasserenarlo e anche di spronarlo sessualmente anche se per me non è facile perchè adesso sono in stato di gravidanza al 7 mese per l'esatezza, e molte volte non ne ho voglia di spronarlo anche perchè dopo che cerco di eccitarlo il più delle volte l'erezione non avviene. Lei potrebbe pensare che sia il mio stato di gravidanza ma già questo problema esisteva prima che io rimanessi in gravidanza come possiamo fare? Lui non la vive bene questa cosa e in fondo neanche io perchè a volte arrivo a pensare che sia un calo di desiderio nei miei confronti, però non penso perchè a livello sessuale mi sento attiva persino in gravidanza non ho avuto grossi problemi. Lui come ragazzo fa uso di farmaci perchè è un soggetto asmatico e da sempre assume farmaci quali miflonide e foradil lo scrivo per darle un aiuto nella sua diagnosi per il resto è un soggetto sano, forte e attivo certo il suo lavoro è un pò pesante e impegnativo ma solo nel periodo primaverile ed estivo in inverno un pò meno stressante. Spero di essere stata chiara attendo una sua risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signora,
personalmente ho qualche difficoltà a prescrivere il tal farmaco in un paziente tanto giovane, ove nella maggioranza dei casi il problema è su base ansiosa, inoltre noi non abbiamo una diagnosi di certezza per quanto riguarda il marito: non sappiamo se è veramente psicologico, oppure sono coinvolti fatytori metabolici, ormonali e/o circolatori. pertanto porti il marito da espret collega, senza caricarsi di compiti e di ansie legittime ma inutili e fastidiose. Faccia avere a suomarito una diagnosi esatta e sulla base di quella proceda per una terapia più mirata di un semplice farmaco che toglie solo i sintomi senza curare la causa.