Utente 123XXX
Salve, riporto il referto della tac in seguito a diagnosi di adenocarcinoma polmonare.Vorrei sapere se è possibile prendere in considerazione l'intervento chirurgico
"all'odierna indagine eseguita con somministrazione e.v. di MDC e confrontata con la precedente del 1/7/09 non risultano più apprezzabili le numerose formazioni linfonodali localizzati a livello delle principali staz.mediastiniche, in particolare la voluminosa colata che determonava compressione dell'arteria polmonare e le adenopatie ilari a dx.Drastica riduzione dell'espanso solido del LSS di cui attulamente residua piccolo addensamento pseudonodulare (circa 12.5mm) a nmargini spiculati dotato di connessioni intersiziali e pleuriche con annesse strie disventilatorie e ispessimento scissurale.Del tutto invariati per aspetto e dimensione il micronodulo (5mm)nel ventrale del LSS, quello 3mm lingulare anteriore e quello subpleurico del ventrale del LSD di significato verosimilmente non evolutivo"
grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

ricordando che un consulto online non può sostituire una consulenza specialistica, un tumore polmonare che all'esordio presenti localizzazioni mediastiniche estese (e dall'altro lato rispetto al tumore) e encefaliche multiple non si avvantaggia in nessun caso di un trattamento chirurgico, neanche in caso di risposta alla chemioterapia, visto che è accertato che un tale trattamento non migliora la prognosi della malattia e può anzi provocarne una progressione.

Il trattamento localizzato da considerare in questi casi è la radioterapia.

Rimango a sua disposizione per ogni eventuale necessità o chiarimento.

Cordiali saluti