Utente 290XXX
Gentili Dottori, vorrei sapere se la mononucleosi è contagiosa e se può comparire e scomparire a distanza di anni. Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
La mononucleosi è una malattia prodotta dal virus di Epstein Barr, che ha particolari caratteristiche, rimane latente nelle cellule, specialmente quelle del sistema linfatico, dove attacca i CD20, CD23, CD25 e crea una immunodeficienza, dimostrata spesso, dalla diminuzione dei CD4 e un aumento dei CD8; periodicamente si riattiva creando una simil mononucleosi, sempre più ingravescente, per cui si può effettivamente dire che questa malattia non passa mai, finché non intervengo ad eliminare il virus.
Nella sua permanenza comincia procurare guai, fra cui le tiroiditi, la sindrome da stanchezza cronica, fibromialgia, le artriti reattive, alterazioni dei linfonodi, e molte altre.
Il virus non va via da solo, occorre intervenire per eliminarlo, con metodica particolare di intervento sul virus stesso, sulla malattia mononucleosi, sugli altri agenti patogeni che ha fatto entrare, certamente, non con sostanze chimiche, ma un intervento programmato rivolto anche alle alterazioni che ha prodotto sul sistema immunitario, correggendole. Il virus va prontamente eliminato, staccato dalle cellule e reso disponibile al sistema immunitario che lo deve eliminare.

Lei presenta inoltre “Da alcuni mesi, circa due, accuso dei dolori continui alla schiena sul lato destro. Questi dolori sono iniziati prima dal piede destro e via via lungo tutta la gamba fino alla schiena. dolore all'altezza del rene, e la situazione non migliora durante la giornata. Negli ultimi giorni accuso capogiri, spossatezza, stanchezza generale e qualche linea di febbre. ma questa sensazione di debolezza legata ai capogiri e ai giramenti di testa.”
Chiaramente, questi sono i sintomi creati dal virus di Epstein Barr, caratteristici della sindrome da stanchezza cronica, fibromialgia, artrite reattiva. Sono connessi l’uno all’altro, per cui andare a cercare semplicemente dove il sintomo risiede, non conduce ad alcuna soluzione, va cercato il virus, gli altri che lo accompagnano, approntare la terapia di eradicazione.

Saluti alberto Moschini

moschinialberto@medicitalia.it

alberto.moschini@fastwebnet.it




[#2] dopo  
Utente 290XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Dottor Moschini,
La ringrazio molto per la sua risposta alle mie precedenti email.
In questi giorni ho ritirato gli esami del sangue e delle urine e la TAC lombare che il mio medico mi aveva prescritto. Vedo da me che gli esami non sono fantastici, anzi sono particolarmente negativi! Inoltre i capogiri, la stanchezza e le mani bollenti in vari momenti del giorno, sono sempre presenti così come il dolore alla zona lombare posteriore destra e al piede destro.
Quali altri esami mi consiglia di fare?
Grazie per la cortese disponibilità.
Paolo

SI Esame emocromocitometrico:
Globuli bianchi 5,99 (4,00-10,00)
Globuli rossi 5,54 (4,50-6,00)
Emoglobina 16,2 (13,0 - 16,5)
Ematocrito 46,7 (42,0 - 54,0)
Emoglobina corpuscolare media MCH 29,2 (27,0 - 32,0)
Concentraz. emoglobina corp. media MCHC 34,6 (32,0-36,0)
Volume globulare medio MCV 84,2 (82,0-98,00)
Ampiezza distr. emazie RDW-CV 12,7 (11,0-16,0)
Piastrine 212 (148-500)
Neutrofili 67,9 (37,0-75,0)
Linfociti 27,1 (12,0-50,0)
Monociti 3,5 (min di 10)
Granulociti eosinofili % 1,1 (min di 7)
Granulociti basofili % 0,4 (min di 1,8)
Granulociti neutrofili # à 4,06 (1,80-7,50)
Linfociti # 1,62 (1,50-4,00)
Monoliti # 0,21 (0,20-1,00)
Granulociti eosinofili # 0,07 (0,00-7,00)
Granulociti basofili # 0,03 (0-0,15)
SI VES 2 (min di 12)
S-Glucosio 108 (76-100)
S-Urea 37 (10-50)
S-Creatinina 0,93 (min di 1,30)
S-colesterolo totale 196 (150-190)
S-colesterolo HDL 51 (mag di 40)
S-colesterolo LDL 142 (min di 115)
S-Trigliceridi 62 (50-150)
S-aspartato aminotransferasi AST 38 (min di 50)
S-alanina aminotransferasi ALT 71 (min di 50)
S-Gamma Glutamil Transpeptidasi (gamma GT) 129 (10-71)
S-Creatinchinasi CPK 56 (min di 174)
S-Proteine totali 7,4 (6,0-8,0)
S-Elettroforesi Sieroproteica:
Albumina 63,7 (55,0-65,0)
Alfa 1 2,2 (1,4-2,9)
Alfa 2 8,9 (7,0-11,0)
Beta 1 7,1 (6,0-9,0)
Beta 2 4,2 (2,0-5,0)
Gamma 13,9 (9,0-20,0)
Rapporto A/G 1,75

U-Urine esame chimico fisico e microscopico
Colore Paglierino
Aspetto Limpido
Ph 6,5 (5,5-6,5)
Glucosio 0,0 (0,0-30,0)
Proteine 25,0 (0,0-20,0)
Eritrociti 0,0 (0,0-10,0)
Corpi chetonici 0,0 (0,0-0,0)
Bilirubina 1,0 (0,0-0,0)
Urobilinogeno 0,0 (0,0-1,0)
Nitriti Negativo
Peso specifico 1029 (1013-1028)
Esame microscopico del sedimento Alcuni filamenti di muco

TC COLONNA LOMBARE
Sono stati esaminati gli spazi intersomatici compresi tra L3 ed S1 come da richiesta.
Non significative stenosi del canale rachideo e dei canali coniugazione.
In L3-L4 ed L4-L5 è presente una lieve protrusione del disco in sede laterale sinistra.
In L5-S1 è apprezzabile una lieve protrusione posteriore del disco in sede mediana.






[#3] dopo  
10161

Cancellato nel 2009

Egregio, lei purtroppo fornisce notizie anamnestiche a pezzettini, non tutte insieme, pertanto, come dicevo nella mia prima risposta, che riguardava anche la sua ultima domanda, effettuata Sabato 17 Marzo, ed in cui aveva messo gli esami, ma poiché la discussione avveniva sulla precedente domanda, ogni mia risposta era rivolta su questa.

Le dicevo che la sua sintomatologia poteva dipendere dalla infezione precedente da virus di Epstein Barr, come ben descritto in tutta la letteratura internazionale, questo può provocare anche le artriti reattive, oltre alla CFS, sindrome da stanchezza cronica, fibromialgia ed altre patologie autoimmuni, come le tiroiditi, sclerosi multipla, linfomi, molte altre che vengono man mano scoperte; ma può attaccare anche il fegato, quindi procurare
S-alanina aminotransferasi ALT 71 (min di 50)
S-Gamma Glutamil Transpeptidasi (gamma GT) 129 (10-71)
Abbastanza difficile che dipendano dalla dieta considerando i trigliceridi
Trigliceridi 62 (50-150)
colesterolo totale 196 (150-190)
e il fatto che lei afferma di non bere alccolici o fare stravizi dietetici, quindi questi valori dipendono sia dal virus Epstein Barr, ma anche da altri virus epatici, che sono entrati per la immunodeficienza procurata da questo virus. Non sono stati assolutamente cercati in maniera idonea.
Poi lei prosegue negli accertamenti ed effettivamente si scopre che ha “fegato un po' ingrossato e grasso forse dovuto ad una epatite asintomatica avuta in passato.”; ma chi ha provocato questa epatite asintomatica che è stata segnalata?
Conoscendo le caratteristiche del virus di Epstein barr, tutte queste problematiche possono essere state causate da lui, pertanto, la discussione non era poi tanto sterile, avevo già indicato in questo virus l’inizio delle sue problematiche, ma lo aveva indicato anche lei, nella seconda domanda.

Tante discussioni possono essere fatte, ma la eliminazione di questo virus si impone, considerato uno dei più pericolosi che attualmente sono presenti, non va assolutaemnte trascurato e nemmeno “passa da solo”, ma occorre una terapia appropriata per pocedere alla sua eliminazione, insieme a tutti quelli che ha fatto entrare, Cytomegalovirus, Epatite B, C, D,?.
Saluti Alberto Moschini

moschinialberto@medicitalia.it

alberto.moschini@fastwebnet.it