Utente 703XXX
Desidererei sapere perchè le persone ultrassessantacinquenni, affette da gravi patologie circolatorie (a seguito di ictus e costretti su una sedia a rotelle) non rientrano nelle vaccinazioni preventive contro l'influenza A/H1N1? Perchè è prevista soltanto per quelli sotto questa soglia di età? Perchè non garantire le stesse possibilità di salvarsi contro il virus? La vita è preziosa per chiunque e non soltanto per coloro che hanno meno di 65 anni. Non sarebbe opportuno prevenire anche in questa fascia la possibilità di un eventuale contagio? Le complicanze cardio vascolari, non sono considerate categorie a rischio più elevato rispetto ad altre? Se il vaccino non è possibile riceverlo gratuitamente, sono sicura che tanti altri come me, sarebbero favorevoli ad acquistarlo. Grazie per l'interessamento
[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente, lei ha ragione, ma deve considerare due motivazioni:

- gli anziani hanno un rischio di esposizione al contagio più basso, perchè, rispetto ai giovani, frequentano meno i luoghi affollati;
- il virus dell'influenza A era già comparso anni fa ed è probabile che gli anziani ne abbiano già una memoria immunitaria.

Infatti, in questa pandemia, sono colpiti assai meno i soggetti anziani, mentre le fasce più colpite sono giovani e bambini.

Cordiali saluti.