Utente 135XXX
Ho 65 anni. Di sesso maschile. Sono parecchi anni che soffro di ipertensione sempre tenuta sotto controllo con terapie appropriate. Tutti gli esami di laboratorio che diagnostici sono regolari. Ho una pesante ereditarietà. Infatti sia mia madre che mio padre sono stati colpiti da ictus cerebrale rimanendo con emiparesi sx una e dx l'altro. Quindi il fatto di avere la pressione alta è fonte di grande preoccupazione per me. Fino a circa 20 giorni fà seguivo la seguente terapia: 1/2 tenormin + 1 cardura 4 + 1 cardioaspirina dopo colazione. 1/2 fosicombi alle 15.00. 1/2 fosicombi prima di coricarmi. Durante questo periodo ad una misurazione ho riscontrato valori elevati 150/95 nonostante la terapia di cui sopra. Il medico mi ha consigliato, dopo anni che seguivo tale terapia, di variare i farmaci. La nuova prescrizione prevedeva:
1/2 tenormin + 1 triatec 5 + 1 cardioaspirina dopo colazione. 1 triatec 5 dopo pranzo. 1 cardura 4 dopo cena. Ma la pressione non è scesa. Allora ha aggiunto 1 blopress sempre dopo colazione. Nonostante l'aggiunta la pressione continua ad essere quasi sempre sugli stessi livelli. Poichè ho effettuato, circa 20 giorni fà, una colonscopia per una ostinata stipsi e per un controllo data le età. Facendo io uso di Pursennid per mantenere una certa regolarità, il gastroenterologo mi ha vietato l'uso di tale farmaco e mi ha suggerito di provvedere con la dieta. Ora assumo per colazione 3 kiwi + 1 activia con cereali alla crusca. Poi molta verdura cruda e acqua a volontà.
Siccome ho riscontrato una concomitanza con la variazione della dieta ed il rialzo pressorio chiedo se l'assunzione di 3 kiwi (con il loro alto tasso di potassio e di vitamina C) non incida in tale rialzo.
Oppure se potete suggerirmi altre possibilità di farmaci magari più attuali che possano risolvere il mio problema?
Grazie per il Vs parere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, la sua terapia è senza dubbio migliorabile ma purtroppo on line non è possibile indicarle alcuna terapia in quanto deontologicamente vietato. Le consiglierei di affidarsi ad un centro anti-ipertensivo ospedaliero o universitario. L'assunzione di Kiwi non ha alcun interazione con i livelli pressori.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 135XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio moltissimo per la Sua gentile risposta.
Cercherò, attraverso il mio medico, di modificare la terapia in modo da poter assestare i miei livelli pressori. Grazie anche per la sua assicurazione che i kiwi non incidono sugli stessi.
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Utente 135XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dott. Martino,
faccio riferimento alla mia richiesta del 6 u.s. ed alla sua cortese risposta.
Il mio medico insiste sulla validità della terapia.
Vorrei però, se me lo consente, farle un'ulteriore domanda. Poichè combatto da sempre con una ostinata stipsi e per essa ho assunto molti farmaci che ora mi sono stati sconsigliati dal medico per i suoi effetti collaterali sulla mucosa gastrica, ora mi ha suggerito di prendere della Psyllogel in bustine nella misura di 3 al giorno. Bene o male hanno il loro effetto.
Siccome ho letto sulla descrizione che questo ritrovato deve essere assunto almeno 2 ore prima o dopo l'assunzione di altri farmaci (cosa a cui mi attengo scrupolosamente) vorrei chiederle: non è possibile che lo Psyllogel attutisca o annulli l'effetto dei farmaci che assumo per la pressione? Perchè con i valori pressori che attualmente ho e che sono piuttosto "ballerini" (variano da 150/95 a 120/80) e la terapia piuttosto severa a cui sono sottoposto mi aspetterei di avere una pressione più consona alla stessa.
Siccome ho riscontrato una certa concomitanza di tempi mi è sorto questo dubbio che mi auguro lei possa fugare.
La ringrazio ancora per la sua cortesia.
Cordiali saluti.