Utente 291XXX
Sono un uomo di 35 anni, sposato, ho un problema al mio pene, dopo molte cure a base di pomate sono riuscito a far venire fuori il glande, con molto dolore iniziale , ora è abbastanza libero, il problema forse è a causa del frenulo, tirando indietro la pelle, il glande viene tirato verso giù, e nel rapporto spesso mi capita che la pelle che lo ricopre resta avvolta sulla parte superiore quindi durante la penetrazione si creano delle ferite, compromettendo il rapporto.
Ho fatto la penescopia il dermatologo mi disse che era un lichen, un andrologo mi disse ke era un lieve erpes genitale, ma a tutt'ora ho semrpe il problema, non riesco ad avere +di un rapporto a settimana a causa delle ferite. dimenticavo non riusciamoa d aver eun bel rapoorto quindi nonabbiamo figli (questo è il problema più grosso).

ringrazio anticipatamente chi mirisponda
saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
se esiste un problema di fimosi anche susseguente a lichen,dovrà essere preso in considerazione la possibilità di un interv ch ambulatoriale sul prepuzio fimotico.
Consulti un urologo e/o andrologo
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro signore alla luce di quanto lei descrive (anche se la visita clinica sarebbe fondamentale) lei sembrerebbe affeto da una fimosi piuttosto importante sostenuta anche da un lichen. Le consiglio una valutazione urologica obiettiva, perchè con grande probabilità lei dovrà sottoporsi ad un intervento di circoncisione ed eventualmente anche di resezione della zona resa fibrosclerotica dalla presenza del lichen.
Cordiali saluti,
dott. Daniele Masala.
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
caro utente la fimosi è una patologia banale ma se non curata può andare incontro a varie problematiche per cui acnhe io le consiglio una valutazione urologica
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
a questo punto cerchi di risolvere un problema alla volta. Prima il problema uro-dermatologico poi ,se ci saranno ancora problemi ad avere figli, si dovrà valutare il suo liquido seminale.
Un cordiale saluto.
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
credo che sia necessario eseguire l'intervento di circoncisione soprattutto visto anche il lichen associato
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore 29185,

dalla sua descrizione sembra emergere, in effetti, il quadro di una fimosi prepuziale probabilmente mal trattata in passato ( perchè pomate e non il semplicissimo intervento ??)ma che, siamo tutti concordi, deve essere risolta con il semplice intervento (ambulatoriale, anestesia locale, nessun dolore...) di circoncisione che consentirebbe di "liberare il suo glande" permettendo rapporti sessuali liberi, frequenti e piacevoli che sono il presupposto per l'ottenimento di una gravidanza
Si faccia vedere da uno specialista
cari saluti
[#7] dopo  
Utente 291XXX

Iscritto dal 2007
Gentili professori grazie per le risposte, ma a tutt’oggi non ho risolto il problema, sono stato in cura con mia moglie dal prof. Agostini primario di ginecologia del Umberto I di Roma, riscontrandomi un semplice erpes, mettendomi in cura con una pomata “zovirax ”, risolvendo il problema solo per qualche giorno, a seguito del rapporto, il problema si manifesta di nuovo ma dopo 2 giorni non subito, come mai? .
Dimenticavo le varie visite che ho effettuato, il pene era in stato di riposo, quindi il glande veniva fuori normalmente, anche se fuoriusciva tirandosi verso giù, il problema si presenta nel momento dell’erezione, non ne viene fuori del tutto e, le rare volte che avviene, si crea una specie di strozzatura alla base, e lo stesso diventa tutto violaceo. Ringraziandovi di nuovo per le gradite risposte.
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
a questo punto bisogna seguire il consiglio che le è già stato dato dal collega Pozza ,farsi vedere da un urologo ed eventualmente decidere l'asportazione del prepuzio.
Un cordiale saluto.

Dott. Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#9] dopo  
Utente 291XXX

Iscritto dal 2007
Egr. Prof. a seguito dei V.s. consigli il 31/01/2008 mi sono sottoposto all'operazione di FIMOSI.
Ora a distanza di 13 gg. noto ancora un rigonfiamento nella parte anteriore del pene, i punti di sutura ancora stanno li, non cadono come mi era stato detto, dopo una decina di giorni si tolgono da soli, e tuttavia provando a far fuoriuscire il glande sento dolore.Chiedevo è normale questa cosa?.
Da qualche parte ho letto che dopo una settimana bisogna con leggero movimento iniziare a far muovere la pelle che ricopre il glande, è vera questa cosa?.
ringraziandovi per le risposte inviao distinti saluti.
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
i punti generalmente cadono dopo 15-20 giori dall'intervento.
Un leggero gonfiore post-intervento può essere nella norma. La manovra da lei indicata dovrebbe essere fatta anche per pulire la ferita e mettere eventualmente una pomata emoliente -lenitiva. Ma queste indicazioni deve darle chi l'ha operata.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org