Utente 116XXX
Salve, soffro di EP solo in particolari situazioni (masturbazione e rapporti con patner abituali), sono già stato dall'andrologo che mi ha prescritto paroxetina e intervento di circoncizione(non effettuato), che ha in parte attuenuato il problema ma che ha trovato discordante il parere dell'urologo che avrebbe dovuto effettuare la circoncisione. Volevo sapere perchè i fenomeni di EP sono più frequenti quando il patner diventa abituale e le frequenze dei rapporti diminuiscono(io lo farei tutti i giorni e in parte sono anche ossesionato tanto da pensare frequentemente al sesso),inoltre ho sempre sofferto di un certo disagio dovuto alla lunghezza del mio pene(13-14 cm in erezione)e la morfologia (deve far uscire il glande con l'aiuto delle mani).
Inoltre sono da sei mesi in cura con interferone e antivirale per epatite che fra gli effetti collaterali provoca calo dell'erezione e cmq mi ha costretto (anche se il contagio è quasi impossibile) ad avere rapporti con la mia compagna con il preservativo (che mi provoca disagio). Ho provato anche i preservativi ritardanti che in alcune occasioni rallentano l'eiaculazione e in altri mi provocano calo dell'erezione. Volevo anche segnalarvi un certo disagio con la mia patner dovuto al fatto che non sempre le nostre fantasie (posizioni e tipo di rapporto) sono gli stessi...inoltre la mia patner frequentemente chiama con nomignoli il mio pene e lamenta una certa insofferenza ai rapporti dovuti a una sindrome psicosomatica (fibromiagia) che gli provoca dei disagi dovuti ai dolori (muscoloscheletrici). Volevo sapere quanto è dovuto a una componente psicogena la mia EP visto che ho letto da più parti che si presenta in genere nei primi rapporti e non il contrario.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'universo della EP e' tanto grande e vario che non puo' essere "codificato" .Il Suo stato di salute e le terapie che e' tenuto a seguire periodicamente,possono influenzare la qualita' della vita sessuale con gli ovvi risvolti psicologici e logistici (profilattico) ma anche,e soprattutto,con
l'azione sull'organismo (fegato).Il pene e' perfettamente normale.Continui a seguire i consigli di un esperto andrologo non sottovalutando il ruolo di di uno psicosessuologo.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 116XXX

Iscritto dal 2009
grazie
comunque non ho alcun problema al fegato (l'epatite è asintomatica e l'ho scoperta per caso durante le analisi per la circoncisione, motivo per cui ho iniziato la cura e non mi sono sottoposto all'intervento che comunque farò alla fine della cura), i problemi sono per gli effetti collaterali della cura, l'EP era presente nello stesso modo, tranne il problema del mantenimento dell'erezione
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...rimane il fatto che,periodicamente,dovra' fare delle terapie,con degli effetti collaterali che,pero',non sono irreversibili.Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 116XXX

Iscritto dal 2009
quello sì (dura un anno e mezzo) è sono solo a 1/3 dell'opera, almeno sta dando i suoi risultati positivi per il momento

grazie