Utente 299XXX
salve sn un ragazzo di 21 anni ke soffre da un paio d anni di un eccessiva sudorazione escellare al punto da bagnare continuamente i miei indumenti indossati!!!!kosa posso fare???kome posso muovermi???grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

deve rivolgersi ad un endocrinologo che possa valutare la presenza di eventuali motivi difsunzionali per questo suo problema.

Cordiali Saluti
Dr. F.S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,

la risposta terapeutica c'è ed è di tipo DERMATOLOGICO:

L'iperidrosi ascellare è una patologia della ghiandola sudoripara eccrina che "iper-reagisce" agli stimoli di un neuromediatore denominato ACETILCOLINA: questo è anche conosciuto come uno dei proncipali mediatori dello STRESS Psicologico.

L'iperidrosi quindi, è una iperproduzione di sudore da parte di queste ghiandole, la quale avviene, soprattutto durante i rapporti sociali della persona affetta.

Dal punto di vista Medico questa è considerata una vera e propria patologia, che causa notevole disturbo e difficoltà nei rapporti sociali di chi ne soffre.

Quando l'iperidrosi diventa IRRESPONSIVA a tutti i trattamenti topici (antitraspiranti etc) i quali comunque non possono essere utilizzati in eterno le strade, fino a qualche tempo fa erano due : od una SIMPATICECTOMIA : intervento chirurgico di ablazione delle terminazioni nervose locali, oppure chure con antidepressivi, od ancora il ricorso alla ionoforesi (meno invasiva ma limitata nei casi di successo al tempo di applicazione)

Da poco è stato introdotto un nuovo utilizzo per un farmaco, la TOSSINA BOTULINICA, impiegata già per altri scopi (oculistica ad esempio) che è in grado di arrestare la sudorazione delle ascelle e/o del palmo delle mani e dei piedi per un tempo variabile da 8-10 mesi; può naturalmente essere ripetuta dopo questo tempo, ben sapendo che gli studi condotti su scala internazionale confermano come i pazienti difficilmente ritornano al punto di partenza, ma migliorano anche senza sedute successive (in media).

E' pertanto una visita specialistica DERMATOLOGICA in cui sarà possibile selezionare il paziente e spiegare la metodica che rimane comunque di semplice effettuazione, per microiniezioni locali.

Cari Saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA



[#3] dopo  
Utente 299XXX

Iscritto dal 2007
grazie per le risposte!!!!cordiali saluti