Utente 136XXX
Buongiorno, il 6/11/09 mi sono sottoposta a safenectomia inferiore dx e il 12 successivo sono stati tolti i punti. I primi giorni immediatamente dopo l'intervento riuscivo ad appoggiare il piede per terra ed a muovermi discretamente, seppur con la limitazione imposta dalla fasciatura, avvertendo un certo dolore al polpaccio. Purtroppo tale dolore si è via via intensificato ed a distanza di 10 giorni, con una fasciatura ridotta rispetto alla prima, non riesco a muovermi, soprattutto quando passo da una posizione di riposo alla posizione eretta. Avverto come dei forti crampi che, dopo vari tentativi di deambulazione, si attenuano ma continuano a persistere. Può essere una conseguenza del grosso ematoma che si è sviluppato? Può dipendere dalla fasciatura? La distensione totale della gamba è poi come impedita da un qualche nervo che sembra "tirare". Scusate il pessimismo ma mi chiedo se recupererò la completa mobilità dell'arto, in quanto allo stato sono fortemente pentita di aver fatto l'intervento in questione.
Grazie per la risposta.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luca Gazzabin
24% attività
4% attualità
8% socialità
GROSSETO (GR)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA
Gentile Signora
Innanzi tutto le vorrei chiedere il tipo di anestesia che le hanno praticato e se oltre allo stripping safenico sono state effettuate delle flebectomie alla gamba.
La funzionalità motoria della gamba non ha niente a che vedere con l'asportazione della safena, e questa sensazione che riferisce del "nervo che tira" potrebbe essere data sia dall'ematoma che dalla fasciatura.
Vorrei sapere anche se, alla rimozione dei punti,le hanno consigliato un tutore elastico da indossare.
In ogni caso le consiglio di riferire questi suoi disturbi anche al chirurgo che l'ha operata che la potrà rassicurare in merito al decorso post-operatorio.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mo Prof. Gazzabin,
innanzitutto La ringrazio per aver risposto così celermente.
L'anestesia praticata è stata di tipo locale, mentre l'intervento chirugico è stato letteralmente di "crossectomia allargata safeno-poplitea destra e stripping corto per invaginazione vena safena esterna destra e varicectomie di gamba destra". Alla rimozione dei punti mi è stata nuovamente bendata la gamba, dal piede al ginocchio, con lo stesso tipo di bendaggio applicato subito dopo l'intervento e non mi è stato consigliato altro; probabilmente al prossimo controllo (19/11/09) mi verrà consigliato qualcosa di diverso.
Il mio timore è che abbia sforzato la gamba da subito, pensando che ciò potesse favorire il recupero della mobilità, mentre al contrario abbia provocato qualche altro tipo di problema che dal controllo non è emerso, fatto salvo l'ematoma. Comunque al prossimo controllo evidenzierò maggiormente al chirurgo tali problemi.
Grazie e buona serata.
[#3] dopo  
Dr. Luca Gazzabin
24% attività
4% attualità
8% socialità
GROSSETO (GR)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA
La ringrazio signora delle sue specifiche con le quali posso inquadrare meglio il caso.
Direi che per il tipo di intervento chirurgico a cui è stata sottoposta i disturbi che riferisce rientrano nel normale decorso post-operatorio; ha fatto molto bene a mobilizzarsi subito e quotidianamente e non abbia paura di sforzare nulla...
Per finire le dico che,quando indosserà la calza elastica al posto della fasciatura, questi fastidi andranno a diminuire per poi cessare.

Cordiali saluti


[#4] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mo Prof. Gazzabin,
La ringrazio per la nuova risposta, mi sento più tranquilla. Eventualmente continuerò questa cordiale conversazione con Lei fra qualche giorno, dopo il prossimo controllo, quando riscontrerò quello che mi ha detto.
Grazie ancora e buona serata.
[#5] dopo  
Dr. Luca Gazzabin
24% attività
4% attualità
8% socialità
GROSSETO (GR)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
A disposizione,
Buona serata anche a lei
[#6] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mo Prof. Luca Gazzabin,
è ormai passato un mese dall'intervento e, come mi ero ripromessa, torno a scrivere per comunicarLe che ho riscontrato appieno quanto mi aveva anticipato, e cioè che i disturbi che accusavo sarebbero passati col tempo utilizzando le calze elastiche riacquistando la normale mobilità dell'arto. Il Suo parere è stato sicuramente molto tranquillizzante e pertanto La ringrazio nuovamente.
Colgo l'occasione per augurarLe buone festività.
[#7] dopo  
Dr. Luca Gazzabin
24% attività
4% attualità
8% socialità
GROSSETO (GR)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Gentile Signora
Sono contento che mi abbia fatto sapere e di esserle stato di aiuto, se ha bisogno di chiarire altri dubbi in seguito, non esiti a contattarmi.
Auguro Buone Feste anche a lei.