Utente 234XXX
Gentili medici,
da qualche giorno dopo un erezione/eiaculazione, in fase di "retrazione" del pene (da eretto a non eretto) avverto dei dolori che comprendono la base, la parte inferiore del tronco del pene e il lato sinistro, verso il quale ho un lieve incurvamento congenito.
Non essendo risucito a spiegare bene quel che sento al mio medio, questi mi ha consigliato una spermiocoltura e un'ecografia peniena.
Le mie domande sono: da cosa potrebbero dipendere questi fastidi? Qual è la differenza tra ecografia esterna e interna e qual è la tipologia più indicata in casi del genere? Visto che non mi è stato specificato, l'ecografia deve essere fatta con pene in condizioni normali, in erezione o in entrambi i modi?
Aggiungo che lo scopo dell'ecografia è anche quello di verificare se effettivamente l'incurvamento è congenito oppure se è dovuto da altro.
Vi ringrazio per l'attenzione, distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore 23493,

Il suo medico, dopo aver visitato ed esaminato il suo pene potrebbe ragionevolmente chiedere l'esecuzione di una ecografia del pene ( chiaramente di tipo dinamico, dopo stimolo farmacologico).
Il fatto che una deviazione del pene sia congenita o no dipende da quando il paziente ha notato il fenomeno durante l'erezione.
La deviazione congenita è sempre stata presente, quella determinata da qualche patologia si comincia a manifestare DOPO ed il paziente sicuramente ne avrà avuto percezione.
Cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Concordo con il Collega

Edoardo Pescatori
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
anch'io
saluti
[#4] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro signore sono perfettamente in linea col dott. Pozza pertanto le consiglio di parlarne col suo urologo concentrando appunto la attenzione del problema sulla curvatura congenita o acquisita e l'unico a saperlo è lei, una ecografia servirebbe esclusivamente afornire un dato obiettivo sul flusso venoso ai corpi cavernosi con e senza stimolo erettile da prostaglandina.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#5] dopo  


dal 2007
Gentili Medici,
grazie per le risposte, vi informo ulteriormente: ho fatto l'ecografia peniena, ma non in stato di erezione farmacoindotta, bensì in condizioni normali. L'incurvamento è laterale sinistro, il Dottore che ha eseguito l'ecografia ha toccato la parte superiore e la parte inferiore, fino alla base, senza spostarsi sui lati: è una procedura corretta? Posso affermare che l'incurvamento è congenito, però soltanto da poco tempo a questa parte si nota anche in condizioni normali, e non soltanto quando il pene è in erezione. Inoltre, sempre in condizioni normali, sul lato lungo è sorto un rigonfiamento, non sempre visibile, che l'andrologo che mi ha visitato ha spiegato con "eccessivo sviluppo del corpo cavernoso di destra".
Seconda parte del caso: oggi ho consegnato quanto necessario per la spermiocoltura, che servirà forse a capire da cosa derivano i dolori post eiaculazione, che ora prendono praticamente tutto il corpo del pene e anche i testicoli. Crediate sia sufficiente ciò, o forse le cause di questi dolori potrebbero essere diverse da quelle che possono essere identificate da una spermiocoltura?
Grazie per la cortese attenzione, distinti saluti.