Utente 863XXX
vorrei fare una domanda ai dott esperti di protesi peniena.HO fatto un impianto di protesi peniena lgx ad aprile scorso.non sono contento delle misure sia in circonferenza che in lunghezza vorrei sapere se cè possibilità di un intervento migliorativo.Ho sentito parlare di derma di suino per la larghezza.voi che ne pensate? grazie per l eventuale risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
le possibilit potrebbero esserci, bisogna vedere per quale motico ha impiantao la protesi e come è messo. Eventuali plastiche di allargamento dei corpi corpi cavernosi possono avere una lora validità tenedo persente che possono essere fragili e possono perforarsi. serve un attento valutazione de visu.
[#2] dopo  
Utente 863XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la solerte risposta dott cavallini,lei si differenzia sempre dagli altri dott per la sua disponibilità verso il prossimo.HO messo la protesi lgx x un carcinoma prostatico avuto 5 anni fà.dopo accorciamento penieno da fibrosi avuto in seguito a punture di caverjet.HOdeciso di mettere la lgx per avere una erezione soddisfacente x un rapporto.mi aspettavo un pene non dico come l avevo prima,ma qui siamo lontano anni luce.TUTTE pallate quelle che dicono quelli della ditta ams,che non cè accorciamento ma un aumento delle misure.ritornando al problema io dicevo se è possibile mettere strati di derma di suino al di sopra dei corpi cavernosi e sotto la cute del pene.per avere almeno la CIRCONFERENZA + GRANDE senza rischiare una infezione della protesi.volevo sapere se è stato fatto questo tipo di intervento da lei o da qualke medico esperto in protesi peniene.grazie anche per un ulteriore consulto da PARTE DI altri medici come per esempio il dott pozza o il dott pescatori.grazie a tutti
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
strati di derma suino non è affidabile, che si riassorbono. Al massimo qualche strato di dacron o di goretex, che non si riassorbonio. Personalmente ritengo questo intervento rischioso, ergo non lo partico, che dsi tratta di mettere altri corpi estranei quindi soggetti wad infezione /rigetto, che si se si innesca quella reazione stiamo freschi. Per usare un eufemismo.
[#4] dopo  
Utente 863XXX

Iscritto dal 2008
volevo prima di tutto ringraziare di nuovo il dott cavallini per la sua disponibilità.PER gli altri dott invece volevo fare un appunto,siete disponibili solo se all orizzonte cè la possibilità di accaparrarvi il paziente, allora in questo caso vi rendete tutti disponibili e fate a gara per far conoscere chi a più competenze.PER questo noi possibili clienti abbiamo poca fiducia nella vostra categoria.Il mondo gira sempre intorno alla moneta.vero cari dott?
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
La ringrazio dei cmplimenti, ad onor del vero in questo sito esiste un codice che non permette di dare risposte ripeptitive. Ora nessuno ha risposto, non perchè non vedano prospettive di guadagno, ma perchè sono d' accordo. E' già successo creda.
[#6] dopo  
Utente 863XXX

Iscritto dal 2008
se è come dice lei dott cavallini allora mi scuso.MA so per certo che interventi su impiantati di protesi peniene ci sono stati tipo taglio del legamento sospensorio per allungare.
NOn so se si possono fare nomi ma il dott XXXXX fà interventi di allargamento anche su protesizzati.allora dipende da medici a medici o la medicina è unica per tutti? RINRAZIO SOLO LEI DOTT CAVALLINI PERCHè ALTRI MEDICI NON intervengono nella discussione

[#7] dopo  
 Staff Medicitalia.it
44% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Gentile utente,
questo sito non và utilizzato per fare delle dichiarazioni qualunquiste dietro la protezione dell'anonimato.

Il fare poi i nomi di medici (che non ci risultano nemmeno iscritti) affermando che eseguono questo o quel trattamento, può risultare anche diffamatorio (o almeno si può rischiare di venire citati, noi comprese, per dimostrare che ciò corrisponde a verità...).

Siccome il nostro scopo non è quello di dare spazio a battaglie contro chichessia, ma di concedere spazio ai singoli medici di "buona volontà", la preghiamo di rispettare la nostra mission e non offendere l'intera classe medica insultandola con frasi del tipo
"PER gli altri dott invece volevo fare un appunto,siete disponibili solo se all orizzonte cè la possibilità di accaparrarvi il paziente, allora in questo caso vi rendete tutti disponibili e fate a gara per far conoscere chi a più competenze".

Ci risulta infatti che lei ha già chiesto più di 15 consulti in passato e ha ricevuto risposte da diversi medici iscritti, quindi questa sua pretesa odierna di avere più risposte da più specialisti è un poco impertinente: il servizio viene fornito, in modo volontario e gratuito, così come è, se non lo gradisce non lo utilizzi, ma disprezzarlo (ossia parlar male dei medici iscritti) ci pare eccessivo.

Per quanto poi riguarda la sua frase "allora dipende da medici a medici o la medicina è unica per tutti", direi che è come per tutte le altre professioni, ossia la professionalità dipende dal singolo professionista, poichè non è certamente una laurea che può garantire l'onestà di una persona.

Sperando che comprenda lo spirito di questo intervento le porgiamo cordiali saluti,
staff@medicitalia.it
[#8] dopo  
Utente 863XXX

Iscritto dal 2008
rispondo per dire che con le mie parole non volevo offendere alcun medico.SE L HO FATTO chiedo pubblicamente scusa.POI volevo dire è vero che ho ricevuto risposte ma come può vedere prima che mettessi la protesi.APPENA ho detto che l ho messa non ci sono state risposte, tranne quella del dott cavallini.SARà un caso?A VOI l ardua sentenza.senza far polemica ringrazio tutti
[#9] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

dopo un periodo di "assenza "dal Forum Medicitalia vedo la sua lettera e vorrei entrare nel merito della sua domanda.
La richiesta di allungamento ed ingrossamento dell'asta può nascere da una esigenza, diciamo fisica, legata alla concreta impossibilità-difficoltà di penetrazione sessuale oppure nasce da una valutazione personale, diciamo estetica, di chi si sentirebbe gratificato dalla visione di un pene più lungo e più grosso sia perchè convinto che tali caratteristiche gli potrebbero consentire una maggiore "tranquillità-sicurezza"nel momento in cui si dovesse proporre a qualche donna, sia perchè convinto che tale caratteristiche isno importanti per determinare piacere alla donna.
Questo secondo caso trasforma il problema "medico" in un problema "estetico" con procedure e risultati diversi.
Ai numerosi pazienti che si presentano con tali problematiche cerco sempre di consigliare un momento di ripensamento, magari con l'aiuto di uno psicologo, prima di procedere direttamente in sala operatoria.
E' chiaro, e questo credo rientri nella libertà medica individuale, che se mi vedo proporre una tale richiesta da un paziente che, chiaramente ed indiscutibilmente, mostra caratteristiche psicopatologiche io mi posso rifiutare di procedere perchè sono certo che quel paziente non sarà mai soddisfatto e continuerà a imputarmi di non aver ottenuto i risultati previsti ed attesi ( dal paziente), e perchè non si tratta di malattianfisica
Se invece alla base della richiesta ci sono concrete motivazioni fisiche, mediche si può cercare di ottenere un ingrossamento dell'asta mediante applicazione di patches eterologhi intorno ai copri cavernosi.
Procedura non immune da possibili rischi.
Valuti lei le cose e si faccia consigliare al meglio
cari saluti
[#10] dopo  
Utente 863XXX

Iscritto dal 2008
ringrazio il dott pozza per essere intervenuto.ASpettavo la sua risposta, perchè non offendendo il dott cavallini so per certo che lei è il pioniere degli impianti protesici,quindi chi più di lei conosce tali problematiche.IL MIO è anche un problema estetico,ma soprattutto di carattere fisiologico.riesco a mala pene ad avere un rapporto soddisfacente.PER ME FARE L AMORE non è + gratificante come lo era prima.Sono rimasto deluso dall impianto, mi aspettavo un pene più vicino alla normalità.prima di avere un rapporto prendo levitra 10mg per avere un qualcosa in +.perciò avevo pensato ad un intervento migliorativo.DOTT POZZA lei chiedo se lei ha mai fatto questi tipi di interventi su persone con protesi e con qualòi risultati.grazie per la risposta.
[#11] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
riprendo dopo qualche mese la rivisitazione del sito e trovo la sua articolata discussione.
Per quanto riguarda le sue domande iniziali:
-in merito alla lunghezza l'unica possibilità per un reale aumento ritengo sarebbe un reintervento con chirurgia dell'albuginea e sosituzione di protesi (quindi impegnativo sia chirurgicamente che economicamente, pertanto da meditare approfonditamente),
-in merito all'espansione circumferenziale non soddisfacente: le possibilità possono essere o patches eterologhiesterni all'albuginea (non ne ho esperienze dirette, poichè le notizie che ne ho da Colleghi a livello internazionale non sono molto incoraggianti), o re-intervento con sostituzione della LGX. Anche in questo caso l'eventuale procedura chirurgica va molto meditata.
Ritengo peraltro suggeribile il "sopportare" l'attuale protesi il più a lungo possibile, attivandola spesso; le tricomponenti infatti spesso agiscono da espansori tissutali, e con il tempo consentono un "guadagno" in lunghezza (e circonferenza) dei corpi cavernosi, nella mia esperienza anche 2,5 cm in lunghezza.
[#12] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

io ho avuto alcune esperienze su casi analoghi a quello da lei "vissuto".
A mio parere non si possono fare discorsi generici e indistinti.
Va valutato il caso specifico del paziente XY, con le sue problematiche fisiche e dimensionali. I discorsi "generici" sono certe volte fuorvianti
cari saluti
[#13] dopo  
Utente 863XXX

Iscritto dal 2008
ringrazio di nuovo in anticipo i dott intervenuti nella discussione.SO che voi siete i massimi esperti in impianti protesici in italia.QUINDI sto in buone mani per consigli e altro.Spero
che con il tempo ci sia la possibilità di recuperare qualcosa sia in lunghezza che in larghezza come ha detto il dott pescatori altrimenti queste protesi non sono poi delle isole felici che tutti gli addetti hai lavori decantano.secondo l esperienza che sto provando chi ha erezione residue come l avevo io dovrebbe optare per altre protesi più sottili,in modo di avere più tessuto erettile e quindi più circonferenza.cmq aspettiamo e poi decidiamo.buon natale e buon anno a tutti