Utente 138XXX
Buongiorno, vorrei un consulto sul decorso post-operatorio per STC alla mano dx.
Sono stata operata il 13 ottobre e dopo l'operazione mi è stata fatta una doccia gessata per immobilizzare il polso; detta doccia è stata tolta il 26 ottobre, unitamente alla rimozione dei punti di sutura.
Dal momento dell'operazione a tutt'oggi (sono passati 50 giorni) accuso forte bruciore nel punto in cui è stata praticata l'incisione, gonfiore al II-III-IV dito e dolori che si irradiano dalla cicatrice dell'intervento alle dita. Inoltre ho difficoltà a piegare la mano verso l'interno e al risveglio le dita sono rigide.

In questi giorni mi sono rivolta al reparto ospedaliero dove ho subito l'operazione: il medico che mi ha visitata (non lo stesso che mi ha operata) ha refertato: "La ferita attualmente appare pastosa, e lievemente arrossata. Presenta algie locali al carpo soprattutto durante gli sforzi". Mi ha quindi prescritto una terapia con Nimesulide e Normast e riposo per 20 giorni.

Per avere un altro parere mi sono rivolta ad un ortopedico, che ha refertato: "Dolore e tumefazione in sede della ferita con limitazione funzionale alla mano dx. Regredite le parestesie. Difficoltà di presa e alla flessione II-III-IV dito. Consiglio ciclo di FKT assistita mirata allo scollamento della cicatrice e al recupero completo della flessione delle dita. Eventuale 10 laser terapia mirata alla cicatrice. Riposo 25 gg".

Premetto che dopo l'operazione, come consigliatomi, ho sempre effettuato piccoli movimenti con le dita lasciate libere dalla doccia gessata e, successivamente, con l'utilizzo di una pallina morbida, ho cercato di fare ginnastica alla mano.

Volevo sapere da cosa può dipendere questo difficoltoso recupero della piena funzionalità della mano, visto che ormai sono passati quasi 2 mesi e non ho mai notato miglioramenti, anzi, da qualche giorno, durante la notte, è ripreso il formicolio alle dita che avevo prima dell'operazione. Può essere non riuscita perfettamente l'operazione? Ho qualche timore in merito dato che sono stata operata da un tirocinante, con il supporto verbale del chirurugo e l'incisione è stata praticata dal polso verso l'interno della mano, per circa 3 cm.
Sono OSS presso una Casa di Riposo e da quel che ho sentito durante l'operazione, il muscolo della mano operata era ben sviluppato.

Grazie e cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
due cose mi appaiono un po' strane
1) aver applicato una doccia gessata, invece di un più semplice supporto palmare in vendita in ogni negozio di articoli sanitari e/o in farmacia
2) che i sintomi stiano ricomparendo
3) che a distanza di 2 mesi, Lei non abbia beneficio.

Quest'ultimo aspetto, a volte può considerarsi ancora nella norma soprattutto in persone anziane con problemi di artrite o artrosi, ma non mi pare il Suo caso.

Ovviamente l'impossibilità di valutare direttamente situazione locale e sintomi non consente di esprimere un parere del tutto oggettivo, ma credo che una ecografia della sede operata e una elettromiografia siano opportune.
Ne parli con il Suo medico e ci faccia sapere

Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 138XXX

Iscritto dal 2009
Egr. Dr., la ringrazio infinitamente. Seguirò i suoi consigli e le faro sapere gli sviluppi.

Cordialità