Utente 123XXX
Salve Dottori!Ho un quesito da porvi:mia zia deve effettuare una visita dall'angiologo all'ASL della zona.Con stupore alla prenotazione della visita si sente dire che il medico angiologo non esiste più in questa ASL,e che è stato sostituito dal chirurgo vascolare.Com'è possibile?C'è differenza?Il medico di base ha riferito a mia zia che c'è differenza in quanto l'angiologo studia l'anatomia e le patologie che colpiscono i vasi sanguigni e quelli linfatici.Il chirurgo vascolare elabora una diagnosi più chirurgica che conservativa.Lo sò può essere una domanda sciocca però per i non adetti ai lavori...Sarei lieto di un chiarimento.Cordiali Saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
comprendo il suo disorientamento e avrà considerato che ad esempio in questo servizio le due branche risultano accomunate nello stesso settore dal momento che i campi di interesse sono largamente sovrapponibili.
In realtà la nascita e la diffusione della Chirurgia Vascolare hanno progressivamente trasferito a questo Specialista competenze che una volta erano appannaggio della Angiologia Medica non ravvisandosi, secondo l'esperienza dell'epoca, indicazioni al trattamento chirurgico che ha in seguito aperto diverse prospettive terapeutiche. Mi riferisco fondamentalmente, ma non in maniera esclusiva, alle malattie delle arterie di grosso e medio calibro e sostanzialmente alla patologia venosa in genere.
Restano di sicura competenza medica le affezioni vascolari legate a patologie sistemiche (per lo più diabete e malattie reumatologiche) e le affezioni del microcircolo.
[#2] dopo  
Dr. Raffaele Prudenzano
44% attività
4% attualità
20% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Attualmente l'Angiologia Medica è insita nei programmi di Chirurgia Vascololare ed endovascolare nelle Scuole di Specializzazione Italiane.
Per quello che riguarda me,anch'io da radiologo, ho dovuto prendermi questo perfezionamento (vista,ormai da 5 anni, l'assenza delle scuole di specializzazione in Angiologia Medica),poichè mi interesso di diagnostica vascolare e interventistica endovascolare radioguidata al fine di per poter meglio consigliare e indirizzare i pazienti che si rivolgono a me per un ecodoppler.
Ritengo pertanto che attualmente le conoscienze "mediche" del Chirurgo Vascolare non siano assolutamente da sottovalutare,anzi.