Utente 388XXX
Salve, da parecchi anni soffro di un dolore al polso, lato dorsale, scaturito dalla mia attività di portiere di calcio, in particolare dal mio attutire con la mano aperta durante i tuffi. Tuttavia il dolore passava se non giocavo per un mese per poi riprendere se giocavo piu volte di seguito. Cmq non mi sono più preoccupato perchè non ho giocato piu in porta.
Questa estate ho ripreso a giocare come portiere, e anche il dolore è ricomparso. Anzi è peggiorato in concomitanza (e in maniera proporzionale) al nascere e crescere di una cisti esattamente al lato opposto, nel lato palmare. Per capirci, il dolore si faceva piu forte nel movimento tipico della flessione.
La cisti è cresciuta fino a diventare ben visibile e a dolormi (non molto però).
Ho deciso di toglierla, sia perche pensavo causasse il dolore nel lato dorsale del polso sia per il dolore (seppur lieve) che provavo nel toccarla. Inoltre c'è una cosa strana che mi ha fatto pensare alla correlazione "cisti-dolore dal lato opposto": se la premevo verso l alto, il dolore nel lato dorsale si faceva fortissimo.
Ho fatto un ecografia, risultato: tenosinovite agli estensori, cisti regione volare di 0.5 cm. Il referto riportava che poteva essere sia articolare sia sinoviale senza tuttavia specificarlo.
Proprio ieri me la sono fatta rimuovere in day hospital, tramite anestesia generale. Le mie domande sono:
-il dolore nel lato opposto a quello della cisti, era determinato o correlato alla cisti stessa? (hp chiesto al medico ma nn m ha saputo dire)
-tolta la cisti, il dolore scomparirà? (adesso sono fasciato e nn posso fare i movimenti adatti a capire)
-quanto tempo ci vorrà per tornare a giocare a calcio (ovviamente non in porta)? Devo aspettare che mi tolgano i punti?
Grazie per la disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
20% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
1) senza averLa visitata non è possibile dirlo. Se nemmeno l'ortopedico che L'ha visitata sa risponderLe, come pensa che possiamo farlo noi, solo in base alla descrizione? L'Ortopedico però può dirLe se la cisti era a partenza dalla articolazione o no.
2) se non si sa se c'è rapporto fra cisti e dolore, ovviamente non si può sapere se tolta la prima scompare il secondo.
3) per giocare a calcio è ovvio che non si può fare con una ferita non guarita, comunque dovrà aspettare che l'ortopedica Le dia il via
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 388XXX

Iscritto dal 2007
Oggi come prescritto sn andato a fare la visita all ortopedico dove mi sn operato, pensando che mi cacciassero i punti (mi sn operato 11 giorni fa). Il medico mi ha guardato di sbieco la ferita e ha chiesto quanti giorni sn passati, dopodichè mi ha detto di tornare tra 7 giorni. Sono stupito perche non pensavo che ci volessero 18 giorni per 3 punti, e quando mi hanno fatto decidere se volessi operarmi mi hanno detto "qualche giorno ci vuole".
Siccome si sta avvicinando una ricorrenza per me importante (una partita di calcio nataliza della mia associazione), ho chiesto al medico se posso fare sport e lui mi ha risposto sì... gliel ho richiesto e lui mi ha detto di sì, dopodichè ha detto "alle bocce", senza un sorriso o nulla che lasciasse intuire ironia, e se n'è andato. Sn rimasto inebetito, per la risposta (non so se posso giocare a pallone o meno), e anche per i tempi lunghi della cicatrizzazione. Premettendo che riesco a fare qualsiasi movimento col polso, mi fa solo male in qualche punto per via del sangue pestato e la ferita è chiusa e coperta dalla crosta.
Voglio chiedere: viste le condizioni che vi ho riferito, posso giocare a calcio sì o no? (11 giorni dall'operazione, qualsiasi movimento possibile, crosta sopra la ferita)
Inoltre, è normale che ci vogliano 18 giorni per 3 punti su un taglio di pochi centimetri? Ve lo chiedo perchè quel medico non mi ispira fiducia, vistio la strafottenza che ha dimostrato.
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Internullo
40% attività
16% attualità
16% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Anch'io tolgo i punti di sutura almeno dopo 15 giorni e molti altri colleghi che si occupano di chirurgia della mano.
[#4] dopo  
Utente 388XXX

Iscritto dal 2007
Scusate l'insistenza, ma quindi mi è proibito giocare a calcio (considerato che per me questa è una partita che ha grande significato ma non è agonistica è dilettantistica e blanda), magari con il lato palmare del polso ben protetto?
Il medico nn me l ha fatto capire, anzi prima mi ha detto di sì e poi c ha fatto una battuta (cm ho scritto sopra)

Un altra cosa, posso lavarmi senza il cerotto? O è pericoloso se la ferita (ribasisco, chiusa cn la crosta) entra a contatto con acqua e sapone?
[#5] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
20% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
La ferita chirurgica può richiedere circa 2 settimane, giorno più, giorno meno. Questa è la media; vi sono ferite che guariscono prima e altre che richiedono più tempo. In genere dopo 12-15 gg io controllo la ferita e se giudico che sia completamente guarita tolgo tutti i punti, e metto un cerotto che può essere rimosso dopo 24 ore, dopo di che la ferita è chiusa e può essere esposta all'acqua e alla polvere. Se invece la ferita non appare del tutto cicatrizzata dispongo un controllo a 7 giorni.
Se la Sua ferita è stata giudicata non guarita occorre avere pazienza. Non è prudente giocare a pallone con una ferita non guarita, soprattutto se fa il portiere. Un breve contatto con acqua e sapone non dovrebbe provocare danni alla ferita, ma non è possibile dirlo con certezza senza avere visto la ferita, in quanto può sembrare "chiusa cn la crosta" ma non esserlo del tutto.
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 388XXX

Iscritto dal 2007
Premettendo che, un po inconsciamente, ho giocato lo stesso a calcio (sebbene protetto da un tutore per tunnel carpale, per evitare pallonate), 7 giorni dopo mi hanno tolto i punti. Dopo un'altro giorno ho levato il cerotto e dopo altri 2 giorni la crosta è andata via, rivelando una cicatrisce rossastra ma perfettamente asciutta. Mi preoccupa però una zona di rialzamento nella zona della cicatrice, poi noto anche un dolore al tatto, come di contusione e infine, ed è questo che mi preoccupa di più, un dolore forte sotto il pollice, nella zona del monte di venere(nn so se si chiama cosi anche in anatomia, o solo in chiromanzia), a distanza di 3-4 cm dalla ferita. Questo mi impedisce di mettere peso a polso a 90gradi (il movimento per fare le flessioni),a distanza di . Tutti questi sintomi postoperatori, a distanza di 20 giorni dall'pperazione, sono normali?
Aggiungo che per quel dolore dal lato dorsale del polso (la cisti era palmare) mi è stata diagnosticata, tramite ecografia, una tenosinovite degli estensori. Come si cura? Alcuni mi dicono cn la fisioterapia, è vero? C'è il rischio che mi si debba operare di nuovo?