Utente 118XXX
A luglio, a seguito di visita urologica c/o l'ospedale Silvestrini di Perugia, sono risultato affetto da "Oligoastenospermia" in quanto lo spermiogramma ivi svolto ha sostanzialmente evidenziato un numero di spermatozoi pari a 4 milioni/ml ma sostanzialmente mobili.
Orbene, dopo una cura di 60 gg. a base di Ezerex e gli ultimi 15 gg. di Flaminase, in data 28.09 u.s. ho effettuato nuovamente lo spermiogramma con l'amaro esito di soli 0,5 milioni/ml di spermatozoi, per giunta l'80% dei quali immobili.
La scorsa settimana, dopo una cura di 60 gg. a base di Fertilex, ho effettuato uno spermiogramma con esito disastroso, rarissimi spermatozoi.
Preciso che ho 33 anni ed un banalissimo varicocele sx di I°, i dosaggi ormonali non hanno evidenziato anomalie e l'andrologo di riferimento non mi ha saputo dare una plausibile spiegazione circa un tale peggioramento, da luglio ad oggi sono passato da 4 milioni (già di per sè un risultato critico) a rarissimi spermatozoi...a questo punto non so che pensare, anzi, se permettete, dubito sulla bontà degli integratori assunti (pare che mi abbian fatto del male) nonché sul medico che, per giunta, ora propende per l'intervento di correzione del varicocele di I°.
L'occasione è lieta per porre distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

forse è giunto il momento di consultare un andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana.

Sono state fatte tutte le valutazioni ormonali, ecografiche , genetiche e quant'altro per cercare di capire la causa o le cause del suo problema clinico ?

La presenza di un varicocele non sempre da solo giustifica alterazioni del liquido seminale come da lei riferiti.

Comunque, se desidera avere informazioni più dettagliate e precise su questo particolare ma complesso tema andrologico, le consiglio di consultare anche alcuni articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=67533

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=37883

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=54716

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=73246

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=69638

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=35752

Riconsulti a questo punto il suo medico curante, di fiducia e chieda a lui un consiglio reale.

Consultato poi un esperto andrologo, ci riaggiorni.

Un cordiale saluto.