Utente 102XXX
circa 8 mesi fa' improvvisa insorgenza di marcato deficit erettile (ho 39 anni due figli e finora una vita sessuale abbastanza normale a parte episodi di eiaculazione precoce). l'andrologo-urologo mi ha fatto eseguire ecografia peninea con vasodilatatore, SPACE, ecografia dei testicoli ed ecografia della prostata con esito negativo. dopo di che all'ispezione anale la prostata e' risultata dolente e congesta e dopo spermiocoltura si evidenzia la presenza di Clamydia trachomatis al 10% delle cellule esaminate che sto curando con 10 giorni di tavanic 500 mg - tre giorni di Trozacina 500 mg e a seguire 7 giorni di Veclam 500mg che finiro' tra tre giorni. dopo di che mi ha fatto fare esami ormonali: sono risultati normali LH-FSH-PROLATTINA-17B ESTRADIOLO- SHBG- PSA; mentre i valori alterati sono Testosterone 1,8 ng/ml- Testosterone libero 7,90 pg/ml e Dea Solfato 1,65 mcg/ml che sto curando con una fiala ogni venti giorni di Testoviron 250mg. ora sono quasi disperato perche' non vedo effetti positivi ma vi prego di aiutarmi dicendomi se la cura vi sembra appropriata, se le patolgie descritte possono essere la causa del deficit erettile e se posso avere problemi con il testoviron (al momento sto notando che all'eiaculazione c'e' una quantita' ridotta di sperma). prego anche altri specialisti che mi leggono di indicarmi se devo intraprendere altri esami o cos'altro per uscire da questo tunnel. aspetto vs consigli grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

vista la sua attuale, complessa e particolare situazione clinica, come enunciata e valutabile anche dai suoi precedenti e numerosi interventi nel nostro sito, da questa postazione, possiamo semplicemente dirle di seguire a questo punto le indicazioni terapeutiche indicatele dal suo andrologo che, da tutto quello che lei ci scrive , ci sembrano condivisibili e poi ci aggiorni , se lo desiera.

Un cordiale saluto.