Utente 139XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 24 anni e soffro da sempre di eiaculazione precoce. Quando ho rapporti con la mia ragazza sento l'istinto ad eiaculare dopo appena 5-6 spinte. Il punto è che lo stesso problema si ripresenta anche nell'autoerotismo: se non ho particolari stimoli visivi posso durare qualche minuto, altrimenti pochi secondi quando sono eccitato da qualcosa che vedo.
Il mio medico mi ha consigliato, prima di rivolgermi ad un andrologo, di provare una crema anestetizzante. Purtroppo è da piu di un mese che non posso avere rapporti con la mia ragazza, e quindi ho provato la crema con l'autoerotismo. In effetti sono passato da una trentina di secondi a circa 4 minuti.
Posso sperare di avere miglioramenti anche nei rapporti con la mia ragazza? Oppure non c'è correlazione?
Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Sicuramente cè' questa possibilità, provi con la crema durante il rapporto e se non dovesse essere soddisfatto si rivolga senza indugio all'andrologo che le prescriverà la terapia adeguata.

Distinti saluti
[#2] dopo  
Utente 139XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio molto. Spero con la crema di vedere quantomeno degli incoraggianti miglioramenti.
Il dottore mi ha parlato inoltre della possibilità che l'eiaculazione precoce sia dovuta ad una ipereccitabilità del mio riflesso eiaculatorio. Come posso capire se è questo il problema? Il fatto che senta il mio glande particolarmente sensibile quando sono eccitato ne è sintomo?
[#3] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
I motivi che provocano una eiaulazione precoce sono molteplici , ma è evidente che questo fenomeno è supportato da una maggiore attività del riflesso eiaculatorio causato da cause periferiche o centrali.
[#4] dopo  
Utente 139XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera.
Ho provato ad utilizzare la crema anestetizzante durante il rapporto con la mia ragazza, ma non ha sortito gli effetti avuti durante l'autoerotismo.
Adesso ho quindi intenzione di prendere appuntamento da un andrologo.
Parlando con il mio medico, mi è sembrato di capire che esistono diverse possibili terapie per affrontare l'eiaculazione precoce e che quand'anche nessuna di queste funzionasse è possibile ricorrere alla Prostaglandina. Farmaco che mantiene l'erezione anche dopo l'eiaculazione, fornendo quindi la possibilità di soddisfare la propria ragazza.
Esiste veramente questa possibilità? Anche se non si hanno problemi di erezione?
Vi ringrazio
[#5] dopo  
Utente 139XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera.
Vi prego di scusarmi se scrivo ancora, so bene che avete anche i vostri panzienti e che non potete sempre rispondere immediatamente alle domande che vi poniamo.
L'unica cosa che vorrei sapere è se semplicemente non è ancora stata data risposta alla mia domanda o se, in realtà, quanto vi ho chiesto è completamente errato e fuori luogo.
Purtroppo il mio problema di eiaculazione precoce mi sta preoccupando molto, e la speranza di poter avere un' "ultima spiaggia" sicura grazie alla Prostaglandina è molta. Ma non vorrei che fosse solo un'illusione, sarebbe peggio.
Vi ringrazio
[#6] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
IL ricorso alla prostaglandina mi senbra eccessivo, provi con i farmaci giusti che le prescriverà l'andrologo.