Utente 311XXX
Un saluto cordiale a tutti i medici che prestano il loro servizio a questo sito.Vi chiedo un consulto su un problema che da un certo periodo di tempo mi angoscia un'pò.Nell'ultima decade di febbraio ho lamentato per un paio di giorni mal di gola con febbre e tosse secca.Questi sintomi sono regrediti da soli senza alcun intervento farmacologico eccetto la tosse che èprogredita per ancora una settimana abbondante e poi è scomparsa.All'inizio di marzo mi sono accorto di un rigonfiamento di 2 "specie di palline"(il mio medico ha poi decretato che fossero 2 linfonodi)molto mobili poco sopra del pomo d'adamo e poco tempo dopo sono comparsi altri 3 linfonodi ;2 in posizione simmetrica uno a destra e l'altro a sinistra rispetto il pomo d'adamo e un 'altro più a sinistra di quello di sinistra.Una decina di giorni fà finalmente mi sono deciso a recarmi dal medico curante che palpando
le suddette ghiandole ha detto di non preoccuparmi ,individuando il fatto in un'infezione e non mi ha prescritto nulla.Ora a inizio aprile devo dire che sono diminuite
e sono meno palpabili.Può essersi trattata di mononucleosi da epstein barr?leggendo su altri siti ho letto che un'altissima percentuale di persone ne è infettata , ma in quale percentuale da origine a patologie più gravi?
Grazie
[#1] dopo  
Prof. Matteo Bassetti
24% attività
0% attualità
4% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2001
Gentile utente,
certamente che può avere avuto la mononucleosi. Occorre però dire che per avere la certezza bisogna eseguire degli esami del sangue, richiedendo la sierologia per EBV.
Solo una volta che eventualmenet fosse confermata e vsiti i risuktati si può ragionare su quali siano eventuali rischi.
[#2] dopo  
Utente 311XXX

Iscritto dal 2007
Ringrazio il dott.Bassetti per la celere risposta.
Ma quindi la mononucleosi può essere "risolta"in così poco tempo?
In quanto almeno i sintomi sono veramente durati poco.
Grazie