Utente 140XXX
Salve
sono affetto da papilloma virus da 1 anno e 6 mesi, almeno per un ceppo il 53. Ho avuto i condilomi in agosto del 2008 trattati con crioterapia, poi una recidiva in settembre 2009 cioè dopo un anno. Ad oggi non ho più avuto manifestazioni ma risulto positivo al test del dna per il ceppo 53 (alto rischio) nella zona della base del pene ed al ceppo n. 6 (basso rischio) nel glande. Ho fatto anche la penoscopia ultimamente ed è risultata negativa. Domanda: come si trasmette il virus in assenza di condilomi? come fa a migrare dalle mie cellule a quelle del nuovo ospite? Come dovrei comportarmi con la ragazza con cui sto da poco? devo dirle che ho un virus potenzialmente contagioso? Inoltre vorrei chiedere se è possibile sapere il nome di una lavanda disinfettante da poter usare prima dei rapporti. Grazie in anticipo per le risposte

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Gentile utente

nell'uomo la tipizzazione dell'HPV serve a ben poco; l'uomo deve guarire dalle lesioni patologiche dell'HPV prima di tutto.

La sua partner dovrebbe essere informata della presenza eventuale di patologia HPV associate (condilomi, papaulosi bowenoide in primis, a livello genitale) e dovrebbe lei stessa effettuare un controllo venereologico ed un PAP test.

Per tutto il resto le consiglio se vorrà la lettura del personale articolo su questo tema:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=40632

cari saluti

Dott. LAINO, Roma
[#2] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dott. Laino

Ho letto l'articolo sull'hpv riscontrando peraltro delle informazioni che ritengo errate. Ho fatto molte ricerche che si basano sul lavoro di diversi medici e ricercatori, nelle quali si evidenzia la trasmissibilità del virus hpv in assenza di condilomi. La trasmissione avviene grazie alla normale desquamazione cellulare. Quindi non è corretto scrivere:

"Ricordiamo quindi che ad essere infettante, NON è la presenza del virus stesso (il quale è e rimane un microrganismo endocellulare) ma è la sua manifestazione clinica (condiloma, verruca volgare et cetera) ad esserlo."

Atra inesattezza, riguarda la classificazione dei ceppi hpv ad alto rischio, in quanto il 6 e l'11 sono notoriamente ceppi a basso rischio:

"per tale ragione il PAP test è fondamentale per la prevenzione del cancro della cervice uterina (è dimostrato che l'HPV nei ceppi 6-11-16-18 può concorrere a questa malattia)"

"alcuni ceppi di questo virus (6,11,16,18 in primis) sono stati correlati con una grave patologia della donna, il carcinoma della cervice uterina"

Le chiedo pertanto, di aggiornare le Sue conoscenze sul virus hpv, e correggere il Suo pesonale articolo che potrebbe essere fuorviante per chi come me cerca informazioni sul papilloma virus.
Certo di un suo positivo riscontro le porgo

cordiali saluti