Utente 311XXX
Buongiorno, da molti anni il mio dentista abituale mi cura periodicamente con detartrasi in tre-quattro sedute e cure gengivali quasi sempre con "Parasolution". Sono un grande "produttore" di tartaro, ho sempre sofferto di gengiviti e ho sempre avuto la sensazione che la terapia avesse un buon effetto. Tempo fa per caso nel corso di un periodo prolungato fuori della mia residenza abituale ho voluto effettuare comunque una visita dentistica e una detartrasi, ma tale specialista ha criticato violentemente le cure gengivali fatte. Premetto che non mi è piaciuto il sistema della detartrasi fatta in una sola seduta, che mi ha lasciato le gengive molto indolenzite per parecchio tempo, però mi farebbe piacere ricevere una opinione in merito alle cure gengivali.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Elia Nakhle
24% attività
12% attualità
12% socialità
SIRMIONE (BS)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Gentile paziente,
ritengo che la detartrasi non sia una terapia standard,in alcuni casi può bastare una sola seduta, in altri è necessario piu' sedute.Questo serve per decongestionare le gengive che sono arrossate ed infiammate, quindi doloranti,a causa del tartaro.Se posso darle un consiglio dopo la detartrasi applichi sulle gengive il gengigel(acido ialuronico)che lenisce eventuali fastidi della gengiva ,io spesso lo consiglio ai miei pazienti i quali mi hanno sempre riferito beneficio.Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 311XXX

Iscritto dal 2007
Grazie infinite per la risposta e per il consiglio, che seguirò.
Mi scuso in anticipo se non ero stato del tutto chiaro, ma vorrei ricevere una eventuale opinione anche sulle cure gengivali: ho come avuto l'impressione che si "scontrino" diverse scuole di pensiero dei dentisti sull'argomento. Cordialmente
[#3] dopo  
Dr. Gianluca Bianco
24% attività
0% attualità
0% socialità
MARANO DI NAPOLI (NA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2007
Caro paziente,
la detartrasi eseguita in una sola seduta è una scelta che segue certamente una logica terapeutica : disinfezione totale del cavo orale.
Le conseguenze talvolta spiacevoli di una seduta piuttosto impegnativa, saranno ridotte con l'aiuto di una terapia preventiva e immediatamente successiva all'evento.
Quanto alle cure gengivali sono assolutamente indispensabili in bocche parodontalmente compromesse e vanno attentamente adattate al singolo caso.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
il detrartaggio può essere ovviamente più o meno sensibilizzante in funzione dell'entità della placca e del tartaro presente e che deve essere rimosso. La gengivite, se effettivamente presente, è un processo infiammatorio che coinvolge le gengive e si evidenzia con arrossamento rigonfiamento e possibile sanguinamento delle gengive. se sono presenti queste situazioni possiamo parlare di gengivite e quindi potrebbe non essere sufficiente un'unica seduta per annullare il processo infiammatorio, ma se il problema è solo la placca è chiaro che una seduta può essere sufficiente. E' altresì vero che in un paziente con continue gengiviti lo stretto controllo e la continua gestione evita l'evoluzione in paradontite e quindi ripercussione su tutto l'apparato di sostegno del dente, con conseguente retrazione ossea.
[#5] dopo  
Utente 311XXX

Iscritto dal 2007
Grazie delle risposte. Quindi si può concludere che producendo io molto tartaro (e preciso che non fumo), sarà lo specialista a giudicare in base alla situazione delle gengive se può essere sufficiente una sola seduta per la detartrasi o meno, e l'indolenzimento delle gengive stesse può essere prevenuto o trattato successivamente. Ma le cure gengivali con Parasolution registrano consensi tra gli specialisti? Un dentista afferma che è l'unico prodotto che funziona, un altro dice che secondo lui non è mai servito a niente. Premetto che sono tentato a seguire il primo perchè ho effettivamente notato dei progressi, ma mi rimane il dubbio che possano essere dei progressi dovuti ad altri fattori. Meglio se mi rivolgo anche a un terzo dentista?
[#6] dopo  
3885

Cancellato nel 2008
caro amico,
premetto che concordo coi colleghi di cui sopra, ma vorrei comunque aggiungere una cosa che mi sta molto a cuore: è molto brutto, con caduta di stile, che si registra sempre più il fenomeno che un collega critica l'operato di un altro collega, violando ciò che è di sublime che è la deontologia professionale.
la libertà di cura viene sempre fatta secondo scienza e coscienza; detto questo le posso dare la mia opinione in merito: attualmente la terapia in parodontologia sta dando grossi risultati: denti in mobilità addirittura possono reinserirsi; allora, curettage in quattro sedute, applicazione di antibiotico specifico nelle tasche patologiche; eventuale retiner dei denti in mobilità; massima igiene domiciliare.
la saluto con affetto, dr. antonio cilio
[#7] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
immagino che quanto detto dal dr. Cillo fosse un discorso in generale sulla deontologia, sul quale concordo PIENAMENTE
cordiali saluti
m. finotti
[#8] dopo  
3885

Cancellato nel 2008
caro collega è ovvio
purtroppo la brutalizzazione della società e las sua completa assenza di valori non ha risparmiato neppure la nostra deontologia.
ti abbraccio, antonio cilio