Utente 140XXX
salve, se possibile volevo delle risposte riguardo al caso che vengo a spiegare.
circa una decina di anni fà ho subito(in maniera molto discutibile) un intervento per la rimozione di una fistole sacro cocigea, il tutto e' iniziato con il sentire una piccolissima sporgenza all'altezza del cocige, poi a causa di un urto questa sporgenza ha assunto dimensioni sempre piu' grandi con relativo dolore stando sia seduto che in piedi, fatto sta che dopo pochi giorni giunto in ospedale per una visita, mi veniva praticata una incisione per la rimozione della fistole. la ferita veniva lasciata aperta per poter drenare i liquidi che fuoriuscivano. finite le medicazioni non ho piu' avuto problemi per diversi anni. con molta tristezza oggi avverto una nuova sporgenza sul cocige quindi volevo sapere da voi come poter intervenire visto che la prima volta e' stata per me traumatica, essendo stato sottoposto all'intervento senza nessuna anestesia con ovvi dolori durante e dopo l'intervento.
spero in un vostro consiglio e vi ringrazio fin d'ora

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
L' impressione è che la prima volta la cisti sia stata incisa per risolvere l' episodio acuto ma non asportata,come è giusto fare, ora probabilmente sarà necessario asportarla completamente per risolvere il problema, ovviamente previa visita chirurgica e conferma di questa ipotesi. Auguri!