Utente 999XXX
Gentili Dottori ho 63 anni, un anno e mezzo fa ho subito una circoncisione per fimosi stretta. Tutto è andato ok, ma mi è rimasta una iposensibilità del glande quasi al 100%; avendo già una eiaculazione ritardata, i rapporti sono stati più prolungati. Nel frattempo (da circa un paio di mesi) , lentamente è subentrato un dolore in erezione e durante il rapporto che adesso è più forte e mi lascia un fastidio per qualche giorno, ci può essere una relazione! Da un paio di giorni inoltre ho notato che palpando il pene a riposo, alla sua base, sento un piccolo nocciolo duro di circa un centimetro che premendolo mi dà dolore.
Vorrei sapere se può essere la prostatite che ho gia avuto in età giovanile (era asintomatica) e cosa devo fare adesso. Nel frattempo ho già fissato una visita (per i primi di gennaio) da un andrologo . Vi ringrazio sentitamente per i consigli che vorrete darmi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,ho la sensazione che si possa trattare di una Induratio Penis Plastica,patologia potenzialmente degenerativa a carico dei corpi cavernosi,piu' frequente in corso di dismetabolismi (ipertensione,diabete etc.).Ci aggiorni dopo la visita andrologica.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 999XXX

Iscritto dal 2009
Ringrazio sentitamente per la risposta. Vi aggiornerò.
[#3] dopo  
Utente 999XXX

Iscritto dal 2009
Dottore, ho passato la visita dal mio andrologo, le confermo la sua diagnosi della induratio penis. Mi ha prescritto delle iniezioni al pene che dovrebbero fermare l'avanzamento con una probabilità del 70- 80 %, ma non si guarisce definitivamente. Sono molto preoccupato, spero non ci siano altre evoluzioni, per adesso il dolore ancora un po' persiste. Grazie ancora.Cordialità.
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...segua le indicazioni dell'andrologo di riferimento e,periodicamente,ci aggiorni.Buon anno!
[#5] dopo  
Utente 999XXX

Iscritto dal 2009
Lo farò, grazie ancora e Buon anno!
[#6] dopo  
Utente 999XXX

Iscritto dal 2009
Sono al termine delle iniezioni, il dolore è semsibilmente diminuito, l'andrologo dice che anche il volume del nocciolo è diminuito del 50% e la durezza pure. Permane però una accentuata riduzione della sensibilità glandare in seguito alla circoncisione e l'eieculazione è molto ritardata e alcune volte incompiuta.
[#7] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...prendiamo atto dei risultati positivi della terapia e,a questo punto,approfondirei sul quadro prostatico. Cordialità.
[#8] dopo  
Utente 999XXX

Iscritto dal 2009
Grazie ancora per l'attenzione e il consiglio. Cordialità ricambiate.
[#9] dopo  
Utente 999XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottore, ho continuato periodicamente a fare le iniezioni al pene (sono armai sette mesi dall'inizio), sostanzialmente la situazione si è stabilizzata, ma alla palpazione della "placca" mi sembra divisa in due e facendo mente locale, al momento che la percepii la prima volta, mi sembra di volume maggiore. Ho sporadicamente delle fitte e fastidi al pene(specialmente dopo il rapporto) che durano anche un paio di giorni. L'inclinazione verso l'alto dell'organo(in direzione dell'inclinazione della vagina è aumentato). Il mio andrologo dice che rientra tutto nella norma e che devo ancora continuare le inizioni fino ad un anno dell'inizio della cura, e non ritiene importante un approfondimento del quadro prostatico. Sono preoccupato, vorrei un suo consiglio. Cordialità.