Utente 115XXX
Gentili dottori,
ho 35 anni, 58kg x 170 cm, non fumo, bevo di rado, faccio vita sedentaria, prendo la pillola Yasmin da 3 anni. In gioventù avevo la pressione abbastanza bassa, all'ultimo controllo era 120/80.

Questo è il risultato delle ultime analisi del sangue:

http://farm5.static.flickr.com/4009/4201475214_aa98d759be_b.jpg

Il medico mi ha diagnosticato la sindrome metabolica. Mi ha ordinato acido folico da prendere prima di colazione e l'integratore BORDER da prendere prima di pranzo - tra due mesi dovrò ripetere le analisi. Mi ha anticipato che in futuro dovrò aggiungere dei medicinali a questa terapia.

Vorrei sapere se la sua diagnosi è condivisibile in base ai dati delle analisi.

Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora, è imbarazzante, ma lei non rientra nei criteri diagnostici della Sindrome Metabolica, nè se consideriamo la classificazione secondo NCEP-ATP III, nè se consideriamo quelli più aggiornati dell'International Diabetes Federation ( IDF ). La sua è una ipercolesterolemia che potrebbe essere stata determinata anche dall'uso degli estro-progestinici, la cui correlazione con il rischio di eventi tromboembolici è riscontrabile non solo in letteratura ma anche nella stessa scheda tecnica del prodotto. Pertanto la prima cosa da fare è trovare una contraccezione alternativa, sospendere l'estro-progestinico e ripetere il controllo dell'assetto lipidico fra 30 giorni.
Tanto più che il suo fibrinogeno è oltre il limite massimo.
L'integratore che le hanno prescritto è a base di
OMEGA 3 EPA/DHA, Policosanoli, acido alfa-lipoico e sicuramente può aiutarla, ma fermo restando che deve fare rientrare l'ipercolesterolemia. La prescrizione dell'acido folico non ha evidenze (EBM) nella sua condizione, a meno che non ci sia altro che non conosco, perchè non da lei riportato.
Quindi la risposta alla sua domanda è no; la diagnosi non è condivisibile.
Resto a sua disposizione per qualsiasi chiarimento.
Molto Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 115XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dottore,

intanto grazie per l'interessamento.

Forse ho capito male io, e invece che avere la sindrome metabolica, sono A RISCHIO di sindrome metabolica?
Con il medico si è parlato di rischio aumentato per cause genetiche per quanto riguarda il diabete e malattie cardio-vascolari... e che in futuro dovrò assumere quotidianamente la cardio-aspirina.

Ulteriori dati a disposizione del mio medico sono che mio padre ha sempre avuto il colesterolo alto senza stravizi alimentari e senza sovrappeso (anche il mio in passato è sempre stato leggermente fuori norma ma purtroppo non ho vecchie analisi sotto mano), e che mia madre da una certa età in poi ha iniziato a soffrire di pressione alta - cosa per cui è in cura.

Soffro di forte dismenorrea: c'è speranza che possa assumere nel prossimo futuro un altro anticoncezionale ormonale? Ho anche un fibroma di 4 cm, i ginecologi mi hanno detto che la pillola dovrebbe "bloccarlo" - mentre il medico di famiglia mi ha detto che lo alimenta (mah).

Un'ultima domanda: a quale tipo di medico mi consiglia di mostrare queste analisi?
La ginecologa non si è mai interessata di farmele fare, e sulla diagnosi del medico di famiglia ho già riferito.

Grazie mille per l'attenzione e la pazienza, buona giornata.

[#3] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Gentile Signora, visto il valore della sua colesterolemia e la familiarità data da suo padre (e con quelle modalità), fa si che quantomeno il sospetto di una ipercolesterolemia familiare ci sia.
Il consiglio che le do è quello di rivolgersi presso un centro specialistico per le dislipidemie genetiche.
In Toscana i centri sono almeno due: uno a Pisa, presso l'Ospedale di Cisanello in Via Paradisa, 2 (Resp. Dott. Roberto Miccoli) tel 050995136, e l'altro a Siena presso Azienda Ospedale Senese, in via Bracci, tel 0577585741 (Resp. Prof. Alberto Auteri).
Resto dell'idea che dovrebbe seguire una terapia ipolipemizzante con statine. Meglio evitare gli estro-progestinici.
Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 115XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottore,

grazie ancora.

Mi recherò al centro di Pisa, e interromperò la pillola al più presto.

Buona giornata.