Utente 314XXX
Buon giorno,
vi espongo il mio problema, soffrò da sempre di ipersensibilità al glande, cioè avverto un dolore quando lo sfrego.
Per prima cosa sono andato dal medico di famiglia che dopo tanto tempo mi ha dato una cura, questa cura prevedeva di usare Pevaril crema e Pevaril Gel ad ogni lavaggio finchè il disturbo non mi sarebbe passato. Questo però purtroppo non è avvenuto, dopo altre innumerevoli visite fatte sempre dal medico di famiglia sono riuscito ad avere un indirizzo di un urologo. L'urologo dopo la visista mi ha prescritto Fisian detergente per 20 giorni e Altergen crema per 14 giorni. anche qui il risultato è stato pressochè nullo. Pochi giorni fa mi sono recato per l'ennesima volta dal medico di famiglia al quale ho chiesto questa volta l'indirizzo di un buon Andrologo, ma affermando che io non ho nulla non me ne ha dato. Ora leggendo su internet ho letto tanti casi di ipèersensibilità del glande, però ho notato molta confusione perchè in certi casi si consgigliava circonsisione, altri visita dal dermatologo altri niente. Infine vorrei chiedere a voi cosa fare per risolvere questo problema, cioè fare altre visite o altro. Grazie per l'attenzione. Cordiali Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore 31406,

spesso una ipersensibilità della mucosa del glande tende a scomparire dopo una postectomia (circoncisione).
in questi casi, dopo una visita che escluda altre patologie, frequentemente consiglio di operarsi
cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore 31406,

spesso una ipersensibilità della mucosa del glande tende a scomparire dopo una postectomia (circoncisione).
in questi casi, dopo una visita che escluda altre patologie, frequentemente consiglio di operarsi
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore,

penso che sia importante una valutazione andrologica diretta, per valutare nei dettagli il suo caso.

Cordialmente,

Edoardo Pescatori
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Il personale parere Venereologico in merito a questioni di questo genere è il seguente:

- l'ipersensibilità al glande "sine causa" ovvero senza un supporto fisio-patologico specifico e relativo a talune condizioni di ritensione cronica del glande stesso (che spaziano dalle problematiche anatomiche a quelle immunologiche fino a quelle comportamentali) è una situazione che merita una particolare attenzione:

Ribadisco a mio avviso, come la visita DERMATOLOGICA - VENEREOLOGICA possa escludere tutte queste situazioni.

Ancora, ritengo come il consiglio di un intervento chirurgico demolitivo come una postectomia sia a mio parere, senza la visita diretta, quantomeno intempestivo per 2 motivi:

- non si è certi di cosa in realtà si abbia di fronte (ovvero non c'è nessuna diagnosi)

- se l'ipersensibilità del glande non è secondaria a ritensione cronica (che è come tutti noi sappiamo causa di un'alterata composizione epiteliale della mucosa del glande che risulta essere più sottile e iperreattiva), ma di altra natura (e ce ne sono di alternative..) di sicuro la mancanza definitiva della protezione (causata da un intervento chirurgico) potrebbe compromettere ancor di più la percezione sensoriale del paziente relativamente a quella zona.

Credo che i colleghi converranno sulla necessità della visita specialistica DERMATOLOGICA VENEREOLOGICA per escludere patologie della cute e della mucosa ed UROLOGICO CHIRURGICA; non riesco ad immaginare altro.

I più cari saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, Roma


[#5] dopo  
Dr. Domenico Battaglia
24% attività
0% attualità
8% socialità
ESTE (PD)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Concordo con il Collega Laino e Pescatori, al momento non trovo indicazioni ad interventi chirurgici di alcun tipo
[#6] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2007
Grazie per le vostre risposte, vorrei chiedervi delle ultime cose,è preferibile per prima una vista dal dermatologo-veneorologo o dall'andrologo? Quali tipi di cure si danno in genere nel mio caso? Grazie
[#7] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Normalmente viene prescritta una terapia con prodotti a base di estratti naturali che tendono a restituire il normale trofismo mucosale, regolarizzando la sensibilità del glande.
La visita urologica servirà ad escludere una problematica di fibrosi da fimosi o di frenulo corto.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#8] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

ci tenga informato se la applicazione di estratti naturali che migliorano il trofismo mucosale e la eventuale terapia comportamentale o immunologica possano modificare in maniera concreta la sensibilità del suo glande.
Cari saluti
[#9] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2007
Ho fatto un ulteriore vista urologica nella quale non mi è stata riscontrata nessuna patologia (fimosi, frenulo corto ecc. ecc.).
Ho chiesto all'urologo se nel mio caso bisogna eseguire la circoncisione per diminuire l'eccessiva sensibilità del glande, però non me l'ha consigliata,anche se non me l'ha esclusa. Quindi mi ha detto di continuare a fare i lavaggi col Fisian e di fare finta che questa eccessiva sensibilità non ci sia. A questo punto voi cosa mi consigliate riguardo al problema?? Grazie
[#10] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2007
Ho fatto un ulteriore vista urologica nella quale non mi è stata riscontrata nessuna patologia (fimosi, frenulo corto ecc. ecc.).
Ho chiesto all'urologo se nel mio caso bisogna eseguire la circoncisione per diminuire l'eccessiva sensibilità del glande, però non me l'ha consigliata,anche se non me l'ha esclusa. Quindi mi ha detto di continuare a fare i lavaggi col Fisian e di fare finta che questa eccessiva sensibilità non ci sia. A questo punto voi cosa mi consigliate riguardo al problema?? Grazie
[#11] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2007
Vorrei chiederVi dunque se effettuare la circoncisione oppure non fare alcun intervento. Non facendo l'intervento voi pensate che potrò avere dei rapporti sessuali senza problemi? Grazie.
[#12] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore 31406,

Nella mia personale esperienze di svariate decine di pazienti che lamentavano una ipersensibilità del glande legata alla difficoltà-impossibilità allo scoprimento da parte del prepuzio e che hanno accettato la circoncione, non ho mai rilevato complicanze significative.
E'vero che la nuova condizione con cui si trova il glande ( completamente o parzialmente scoperto) costringe il paziente ad un periodo postoperatorio un po' fastidioso per 2-3 mesi ma superato dal vantaggio di poter utilizzare liberamente il pene successivamente
Come vede ci possono essere opinioni diverse
Cari saluti