Utente 140XXX
Diversi anni fa in seguito ad un evento traumatico sono stato soggetto ad una crisi depressiva piuttosto importante seguita da crisi di panico, solo al manifestarsi di queste ultime mi sono convinto a chiedere un aiuto medico.
Con l'aiuto di uno psicologo di un Centro Psico Sociale la situazione si è notevolmente normalizzata, in concomitanza il mio medico di famiglia, con il consulto di uno psichiatra dello stesso centro, mi ha prescritto per circa 3 anni lo XANAX 0,25 mg una compressa al mattino ed una alla sera.
Circa 18 mesi fa è stata introdotta la Paroxetina Sandoz 20 mg una compressa al mattino, e gradualmente è stato tolto lo Xanax. Gli attacchi di panico sono completamente spariti con la Paroxetina, una leggera depressione si manifesta in occasione della ricorrenza dell'evento, ma con pochi colloqui psicologici la situazione rimane sotto controllo, quello che ho lentamente notato, e parrebbe assolutamente concomitante col cambio di farmaco, sono dei problemi sessuali non gravi ma che alla lunga mi stanno psicologicamente condizionando, per la precisione la temporanea perdita dell'erezione durante il rapporto sessuale, non così importante da compromettere il rapporto e l'orgasmo della partner, ma comunque percepito dalla stessa e molto fastidioso per me, ed una estrema difficoltà ad eiaculare nonostante raggiunga un buon livello di piacere.
Altra sensazione è una minor sensibilità nel pene, ma in questo caso non posso giurare sia suggestione indotta dagli altri sintomi. A completamento del quadro preciso che assumo da aprile al mattino contemporaneamente alla Paroxetina una compressa di Lobivon 5 mg, essendo stata riscontrata una ipertensione di grado 2 (moderata), senza che la stessa mi abbia mai provocato disturbi percepibili.
Ringrazio anticipatamente per l'eventuale risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
la paroxetina di per se può provocare i problemi da lei notati, ma vanno anche esclusi problemi circolatori, rmonali, prostici e metabolici che possono influire. Esiste comunque una terapia dei suoi problemi senza sospendere la paroxetina (se è quella). Senta un collega dalvivo, che di qua non si riesce a fare diagnosi.
[#2] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

e' possibile considerare un trattamento differente per il suo problema psichiatrico che possa avere un minore impatto sulla sfera sessuale, effetto collaterale possibile con l'utilizzo di farmaci del tipo SSRI.

Alcune molecole possono avere una minore incidenza di tali effetti, pur conservandosi una buona efficacia antidepressiva.

Inoltre, andrebbe valutato in questo momento il dosaggio della sua prolattina nel sangue che puo' essere uno dei motivi per il suo effetto collaterale (anche valori normali di prolattina possono presentare lo stesso effetti collaterali sulla sfera sessuale).

Dovrebbe riparlare con il suo psichiatra per una valutazione.
[#3] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
Assolutamente d'accordo con lei che una diagnosi online non è sicuramente possibile. La sua risposta mi ha sufficentemente chiarito il quadro della situazione, la ringrazio e non mancherò di consultare uno specialista.
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
faccia sapere se vuole.