Utente 130XXX
salve,scrivo per parlare di una situazione a dir poco brutta.da una settimana mia zia 80 enne è ricoverata all'ospedale causa cirrosi epatica scompensata causa alcolismo.è stata ricoverata in stato disastroso con tremori demenza e fegato gonfio.i medici han detto subito che il fegato è bruciato del tutto_cirrosi epatica scompensata_ lo stomaco si è dilatato causa il nn mangiare e l ingestione di solo alcol.adesso è via del tutto con la testa è in perenne dormire _il cervello è come in coma_ alimentata dalla flebo e morfina per calmare i tremori d astinenza..sembra in agonia ma è cosi da oramai 4 giorni..il cuore è perfetto come pure i reni e la pressione..è brutto vedere in questa situazione una persona devastata dALL'ALCOL ...quello che mi domandavo se cè qualche possibilita che migliori E TORNARE ALMENO IN PARTE COME PRIMA perche mi dispiace dirlo in queste condizioni è meglio mortA..
[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La diagnosi è stata di intossicazione da alcol o di alcolismo nel senso comportamentale ? Sappiamo che c'era un'astinenza, e quindi un uso regolare, che almeno ultimamente era denutrita per un consumo prevalentemente alcolico. Non è chiaro se vi sia una storia di alcolismo, di trattamenti, se sia già stata in cura e in che modo.
E' in corso una encefalopatia epatica ? Non mi torna il fatto che sia in una condizione comatosa per la terapia dell'astinenza, che di per sé non comporta questo.
[#2] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
beve alcolici cronicamente da molti anni gia una volta èra stata ricoverata anni fa per cirrosi epatica ed è stata curata.comunaue abitando da sola si è molto trascurata mangiava poco e beve tanto..questo problema dell'alcol cè la da almeno 20 anni..si la dottoressa ha detto che cè in corso anche una ENCEFALOPATIA EPAICA..ma che pressione,cuore e polmoni sono apposto..mi domando come fa una persona a resistere in queste condizioni°?----grazie per le risposte e buone feste
[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, ma intendevo se è mai stata curata con terapie per l'alcolismo in quanto tossicodipendenza, non con terapie per l'intossicazione alcolica o per la cirrosi. Se c'è una encefalopatia epatica acuta è un conto, se è cronica è un altro.
Non è che la persona resista, viene curata e quindi sopravvive. Poi bisogna vedere a che punto si riesce a tornare di funzionamento, se la persona smette di bere o meno, se segue le cure per la cirrosi. Però se la persona è alcolista nel senso di tossicodipendente da alcol, sarebbe opportuno che in prospettiva di un mantenimento di condizioni accettabili, DOPO la risoluzione di questa fase, ricevesse un trattamento adeguato.