Utente 113XXX
donna 27 anni. emorroide esterna molto gonfia, abbastanza estesa, colore intenso, molto molto dolorosa. niente sanguinamento.

Non riesco a svolgere nessun attività, è la seconda che appare dopo 5 anni, quando si risolse spontaneamente dopo una settimana; non sono in gravidanza.

ho applicato emmoril crema per 2 giorni, fatto bide in acqua tiepida-

che altro posso fare? quanto devo aspettare? la crema è necessaria? come la tratto senza complicazioni?

ho bisogno di tornare al lavoro...

grazie!!!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Visto l'argomento e l'urgenza, mi permetto di rispondere in area dermatologica.

Con i limiti di una valutazione a distanza, sembra sufficientemente evidente che si tratti di una flebite emorroidaria.
Tale complicazione della malattia emorroidaria, tipica del periodo natalizio, richiede valutazione specialistica e, per una risoluzione più rapida, trattamento medico che va al di là della sola applicazione di creme per uso topico.
[#2] dopo  
Utente 113XXX

Iscritto dal 2009
quale settore si occupa nello specifico di questa malattia?

è possibile che se ne rientri da sola, riassorbendosi, come le ho detto avvenne gia 5 anni fa (prima e unica apparizione del fenomeno, fino a questo momento)

grazie infinite!
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
La patologia emorroidaria rientra nelle competenze della Chirurgia e della sua branca coloproctologica (ecco perché mi sono permesso di inserirmi in un quesito postato in Dermatologia).
L'evoluzione spontanea di una flebite emorroidaria (considerata per certa questa diagnosi) può essere verso la lenta risoluzione o verso la tromboflebite, ecc.
Resta in ogni caso da valutare, a risoluzione avvenuta del quadro acuto, la persistenza della malattia emorroidaria che potrebbe richiedere provvedimenti specifici anche per evitare possibili recidive di acuzie.