Utente 141XXX
Salve, sono Alex ho 34 anni e da qualche tempo ho problemi di eiaculazione rapida ed erezione dopo la prima eiaculazione.

Premesso che sono single e fino all' età di 29/30 anni la mia sessualità era totalmente differente, prima di avere la prima eiaculazione passava anche 45/60 minuti,e nella secondo passava tranquillamente anche una ora, ma un bel giorno in spiaggia con la stessa partner la mia sessualità è cambiata, eiaculazione precoce sul primo orgasmo( un minuto/ circa) e poi normale nel secondo ma non con una erezione al 100%.

Questa seconda fase cmq non mi ha dato mai grossi problemi perche cmq ho sempre avuto rapporti normali, avendo rapporti con la stessa partner laprima eiacuazione ritarda

Da qualche mese sempre con partner occasionali sto avendo anche problemi di erezione dopo il primo orgasmo precoce non riesco ad avere nessun rapporto perche la mia erezione non arriva anche aspettando piu di 30/50 minuti, poi se arriva non è tale da poter avere un rapporto normale.

Ps.
Vivo con una madre schizzofrenica che mi stressa la vita da molti anni, e visto che non ho partner fisso spesso mi masturbo non avendo una compagna fissa.A volte Masturbandomi in pochissimo tempo arriva l'eiaculazione anche con il membro senza una erezione a parer mio adeguata, la cosa a me sembra strana.

Sinceremante ho deciso di non masturbarmi piu frequentemente, anche se sento sempre il bisogno di farlo

Sono sinceramnte preoccupato.

Distinti Saluti
Alex

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

da questa postazione ci è difficile capire bene cosa è veramente successo ed in questi casi la cosa migliore da fare è sempre una attenta valutazione clinica diretta per comprendere il suo eventuale "problema" e poi impostare le necessarie strategie terapeutiche.

A questo punto potrebbe essere utile una attenta valutazione clinica da parte di un andrologo .

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste frequenti disfunzioni sessuali le consiglio di consultare anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=27950

e

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 141XXX

Iscritto dal 2009
Salve dr.Beretta

Capisco, la difficoltà per la valutazione è la rigrazio per aver risposto al mio annuncio
Nella metà di gennaio farò una visita andrologica in ambulatorio all' università della Calabria se lei coonsce qualche suo collega in questa struttura può gnetilmente indicarmelo? saluti

momentaneamente secondo lei potrei provare ad aiutarmi con qualcosa?
saluti
Alex.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

purtroppo in quella Struttura Sanitaria non ho referenti da indicarle.

Nell'attesa della valutazione andrologica comunque non si pasticci, mai mettere il carro davanti ai buoi ma prima bisogna fare una corretta diagnosi e poi impostare la terapia mirata; questa è la regola d'oro da seguire.

Un cordiale saluto.