Utente 716XXX
Salve dottori, ho 25 anni e sono un ragazzo.

Ho sindrome occhio secco (entrambi) con meibonite, blefarocongiuntivite, epiteliopatia lieve, croniche; sterostomia (con fibrosi emersa da biopsia gh.salivari minori, presenza di infiltrato interstiziale di plasmacellule, no linfocitario), sindrome sicca, alterazioni capillaroscopia, ecc.
Per questo ho una sospetta connettivite autoimmune, in particolare Sjogren o indifferenziata. Ma non essendoci la presenza di autoanticorpi nel sangue (controllati 2-3 volte) non può essere fatta la diagnosi (per il momento) che l'origine sia autoimmune. Escluse anche amiloidosi, hiv, sarcoidosi, epatiti, tiroiditi, diabete anomalie lipidiche, ecc...

Quello che a Voi chiedo è :
-ho le seguenti anomalie alla capillaroscopia: anomalie dei capillari, riduzione di numero, varie anomalie di forma, alcuni a candelabro, presenza di marcato edema capillare; no megacapillari, no microemorragie.
-come accertato da visita orl specialista in vertigin, ho una labirintopatia (vestibolopatia) di causa microvascolare, bilaterale, che mi causa quotidiani moderati intontimenti/vertigin e anche conseguenti disturbi visivi.
-più di un medico mi ha detto che probabilmente ho un'alterazione funzionale del microcircolo a livello sistemico, anche per i seguenti sintomi: affaticamento precoce che aumenta molto con il caldo, variazioni di temperatura , mi sento sempre più intontito , occhi pesanti bocca secca ; percorrere brevi distanze, affaticamento anche nella concentrazione e fare conversazioni un po' prolungate, ancora più affaticato durante la digestione e il caldo (soprattutto quest'ultimo) – formicolio estremità ai 4 arti con il caldo, durante conversazioni prolungate, appoggiando qualche minuto le braccia sul tavolo, durante sforzi intensi – senso di pesantezza zona cuore e ascella sinistra solo quando sono affaticato/stanco, e inoltre anche un po' di intontimento durante sforzi medi/intensi, quando mi abbasso a raccogliere delle cose a terra, se mi accovaccio per un po' di secondi sulle gambe, con il caldo marcato, stare troppo fermo in piedi, ecc. -- se bevo un po' di alcool ho intontimento (non sono astemio) – quando sono affaticato/stanco sento un po' di gonfiore alle mani e meno elasticità nel piegare le dita; mi fanno male dopo qualche secondo che le metto sotto l'acqua fredda (non mi diventano bluastre) – dopo la doccia per qualche minuto ho delle zone della pelle arrossate che però poi passano.

Ho eseguito vari accertamenti cardiovascolari: ecg standard, holter cardiaco, ecocardio standard, ecodoppler vasi tsa, arti sup. ( arterioso ) e inf. (venoso ) da sdraiato, angio rmn encefalo e vasi del collo, test cardiovascolari neurovegetativi (non quelli da sforzo) pressione arteriosa da seduto, cpk , emocromo con ematocrito poco sopra la norma, omocisteinemia poco sopra la norma.
Tutti questi accertamenti sono risultati nella norma tranne la capillaroscopia.

Vi chiedo :
-possibile che non si possa accertare c

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
oltre al lungo quesito che ci propone in questa occasione (che per altro ci giunge troncato per eccessiva prolissità) ho dato uno sguardo anche agli altri numerosissimi a noi indirizzati per il passato e per la maggior parte riguardanti un problema clinico che, nonostante i numerosissimi ed accurati accertamenti e consulti eseguiti, non sembra trovare, come Lei stesso conferma, una completa soluzione dal vivo.

Devo quindi necessariamente rappresentarLe i limiti di un consulto on-line che, per quanta attenzione e dedizione Le si possa dedicare, non è adatto in casi come questo ad offrire un valido contributo alle sue problematiche che possa superare quanto già realizzato dal vivo.
[#2] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
Bé, sostanzialmente sono abbastanza d'accordo; infatti questo e vari consulti li considero solo per avere un'opinione in più, qualche consiglio, qualche nome di medico da consigliare, spiegare un referto visto che ho la visita dopo mesi, ecc. ----- devo dire che in vari consulti ho ricevuto indicazioni utili in questo senso, e per cose diverse. so bene che un consulto non può superare una visita dal vivo; non penso certamente questo. ----- ho mandato questo consulto solo per la questione microcircolo, di questa specialità ne ho mandati un paio a distanza di mesi, e questa volta con degli aggiornamenti e nelle domande vi era la richiesta di sapere il nome di qualche centro, di medici specializzati in problemi del microcircolo, a cui potermi rivolgere. --- purtroppo le domande non sono uscite pubblicate, quindi le riscrivo: -possibile che non si possa accertare con certezza una microangiopatia sistemica? -mi dite qualche centro/medico di eccellenza x queste cose(MI)? grazie