Utente 808XXX
Salve
ho 38 anni
Circa 2 anni fa ho cominciato ad avere "difficoltà" di erezioni (prima nulla).
Un paio di rapporti occasionali andati male. Nessun coinvolgimento relazionale con le partner.
E alcune difficoltà di erezioni in termini di durezza:
• inferiore a prima e
• erezioni notturne sporadiche e deboli (prima sempre presenti)
In quel periodo stavo assumendo un farmaco (1 mese) contro la caduta capelli che aveva come controindicazione la possibilità di difficoltà a mantenere l’erezione.
Pensai che fosse dovuto a quel farmaco (Finastid). Interrompo l’assunzione di 1 mese, ma a distanza di 3 continuo ad avere problemi.
Faccio una visita urologia.
Dalla conseguente visita urologica emerse la presenza di un varicocele bilaterale 1° livello (da operare a causa dei risultati dello spermiogramma)
Viene escluso il legame con problema di erezione. Intanto faccio gli esami ormonali del sangue che sono nella norma nella norma.
Dopo 8 mesi (circa 1 anno e 3 mesi fa) vengo operato di varicocele, lo spermiogramma rientra fortunatamente nella norma.

Effettuo l'eco-doppler del pene con esito buono. Ma resta il problema dell'erezione che non è più tornata quella di prima.
Non ho più avuto rapporti sessuali in questi 2 anni.
Il dottore che mi ha avuto in cura, esclude problemi organici. Mi ha consigliato una visita sessuologica per un eventuale strascico "psicologico", e mi ha prescritto del Cialis (mezza pasticca) in caso di rapporto.

Nel frattempo ho avuto un conseguente problema di idrocele e sono stato operato 2 mesi fa.

Cosa devo fare, vorrei un consiglio.
Resto in attesa di un riscontro.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,fortunatamente il quadro seminale si e' "normalizzato" dopo un intervento di varicocele bilaterale di I grado (evento molto raro...specialmente alla Sua eta').Quanto alla disfunzione erettile,la qualita' delle erezioni notturne (spontanee) non giuoca un ruolo significativo nella diagnosi, a differenza dell'ecocolordoppler che riferisce fisiologico.Analogamente sarebbe interessante sapere l'esito dell'assunzione del tadalafil (di cui non fa cenno nel post).I risvolti psicologici sono chiari ma ho qualche perplessita' sulla specificita' andrologica del collega che l'ha visitata,per cui,considerata la lunga astinenza dai rapporti sessuali,credo che un'introspezione psicologica sia auspicabile,in attesa di riverificare il quadro organico-funzionale .Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 808XXX

Iscritto dal 2008
Gentile dottore
la ringrazio della pronta risposta.
Per quanto riguarda l'assunzione del Cialis (mezza pasticca), mi è capitato di assumerla un paio di volte ma comunque senza avere rapporti completi, non mi è parso di riscontrare benefici evidenti.
Non mi è chiaro quando parla di perplessità sulla specificità andrologica del collega che mi ha visitato e anche operato.
E' un medico urologo.
Le chiedo un chiarimento

Saluti
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...difficilmente un andrologo "dedicato" opera un varicocele bilaterale di I grado a 39 anni.Raramente uno spermiogramma deficitario si ristabilisce dopo tale intervento.Non fornisce alcun dato circa l'ecodolordoppler penieno.
Senza nulla togliere al collega,credo che la strategia,sulla scorta di quanto ci riferisce,sia opinabile.Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 808XXX

Iscritto dal 2008
Gentile dottore
Se può e vuol dettagliare meglio altrimenti non la seguo.
Mi devo sentire mal "trattato": ho fatto un'operazione non necessaria o cosa?
Sul ecodoppler penieno mi è stato detto che non ho nulla a livello circolatorio.
Se occorrono altri dettagli posso provare a darli.
Non mi è chiaro come procedere.
Saluti
P.
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...personalmente non l'avrei fatta operare ma la mia e' una corrente di pensiero che,a volte,non trova un riscontro analogo.Cosa fatta capo ha...
Non ci ha specificato se l'ecodoppler era basale o dinamico (con iniezione intracavernosa).Non fa alcun cenno ai dosaggi ormonali (testosterone,LH,Prolattina,Estradiolo).Ribadisco,a questo punto,l'opportunita' di valutare l'aspetto psicologico del problema e poi,eventualmente,riverificare il quadro andrologico.Capira' che e' problematico criticare l'operato di un medico reale,da una postazione virtuale quale e' la nostra.Cordialita'.
[#6] dopo  
Utente 808XXX

Iscritto dal 2008
Sono d'accordo. Cosa fatta capo ha!!

L'ecodoppler era dinamico con iniezione intracavernosa.

Dosaggi ormonali
Dehydrotestosterone: 70,1 ng/dL (Uomo: 31-146)
Prolattina: 5,5 ng/mL (Maschio 2,1-17,7)
testosterone: 5 ng/mL (2,3-8,3)

Per valutare l'aspetto psicologico del problema devo andare da un sessuologo?
Ne conosce qualcuno a Roma?

Grazie
Saluti
[#7] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Contatti la Dott.ssa Adele Fabrizi,facilmente reperibile sull'elenco telefonico.Cordialita'.