Utente 142XXX
Salve Dottore. Sono un ragazzo di 32 anni.
Soffro da quando avevo 16 anni di rinite allergica agli acari della polvere.
Ho avuto anni difficili durante l'adolescenza poichè avevo crisi frequenti. Negl'anni sono andate via via diminuendo e da sempre ho utilizzato alcuni spray tipo il rinofrenal che mi hanno dato buoni risultati alla comparsa dei sintomi.
Parto con questa premessa per arrivare ad oggi. Vivo in una casa ristrutturata in una zona umida. Purtroppo da quando risiedo qui sto riscontrando nuovi problemi, e non so se siano legati all'allergia.
Infatti, nei periodo invernale come anche oggi per esempio, capita sovente che mi sveglio starnutendo. Se prendo spray o qualsiasi tipo di decongestionante nasale gli starnuti accrescono. Sento una forte infiammazione all'interno del naso, un prurito intenso e mi si crea una forte lacrimazione con accentuato muco acquoso. Gli starnuti sono continui e quando arrivo a questo "stato" non riesco a fare niente. Devo evitare di respirare dal naso e rimanere al caldo sdraiato. Solo dopo 24 ore il tutto passa. Chiaramente non le dico quali problematiche questo mi comporti. Ho notato che ogni sbalzo termico, un profumo intenso o qualsiasi altra componente esterna determinino l'inizio di questo raffreddore. Basta niente e mi ritrovo quindi in condizioni pessime. Mi sono fatto vedere più volte da otorini o allergologi. Il problema è che non capisco se si tratti di un raffreddore comune o allergico. Ho provato a seguire delle cure cortisoniche senza successo. Avevo letto in alcuni siti che problemi come il mio dipendono dai turbinati nasali, ma l'otorino ha escluso che si tratti di questo. Non so cosa fare e come procedere. Spero che mi possa dare qualche indicazioni o consiglio utile. Ringraziandola anticipatamente e fiducioso in una sua risposta, La saluto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Gli acari sono sempre presenti e danno una stimolazione di fondo che abbassa la soglia di reattivita' delle mucose. Quando poi si aggiungono fattori ambientali (freddo, umidita' ecc.) diventa molto piu' facile uno scatenamento aspecifico di sintomi.

Non e' un raffreddore comune (da virus), e' una reazione vasomotoria aspecifica, facilitata dal suo retroterra allergico.

Vale la pena di fare un tentativo con un deumidificatore ambientale.

[#2] dopo  
Utente 142XXX

Iscritto dal 2010
Buona sera.
Grazie per la precedente.
Proprio in questo momento sto avendo un forte attacco di raffreddore con continui starnuti e muco a cascata....
Mi si e' manifestato di punto in bianco: ero sul divano senza alcun sintomo e dopo essere stato fuori in corte per un paio di minuti è iniziato... è una cosa assurda!
Deumidificatore? Veramente ho 3 splitter con funzione deumidificante continua. Il barometro indica un livello di umidità ideale. Onestamente speravo in un consiglio maggiormente mirato al problema. Non posso credere che non esistano rimedi certi o potenzialmente funzionali. Se anche si trattasse di una reazione aspecifica potrei provare mirando a diminuire la sensibilità all'interno delle narici? Mi sono stati suggeriti spray cortisonici... Esiste qualcos'altra da provare? Ormai sto tentando di tutto!
Saluti