Utente 142XXX
Ho appreso telefonicamente in mattinata dalla badante di mia madre, che ad una sua amica con cui era stata in contatto il 24 dicembre u.s. è stata diagnosticata la scabia, presa probabilmente dai bambini di cui è baby sitter. Sia io che mia moglie (incinta al 6° mese) siamo stati a trovare mia madre in data 1 gennaio 2010. Mia madre non ha mai avuto alcun contatto con l'amica della sua badante e non avverte prurito. Non voglio mettere in allarme mia moglie (ne io ne Lei avvertamo forme particolari di prurito) ma vorrei un consiglio, sopratutto in considerazione dello stato di gravidanza di mia moglie. E' opportuno metterla al corrente della situzione in considerazione che siamo stati in casa di una persona (mia madre) che a sua volta è in contatto con altro soggetto che direttamente non è per nulla detto sia stata contagiata ? Ed in caso affermativo quali sono i rimedi medici che con certezza non producano danni in gravidanza? Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Biagioli
28% attività
0% attualità
12% socialità
SIENA (SI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Gentile utente
La scabbia è una parassitosi umana molto diffusa in tutto il mondo ed in Italia anche in ambienti con buone condizioni igieniche. Il parassita che è un acaro (Sarcoptes scabiei), vive e si riproduce esclusivamente sulla cute umana e si trasmette da persona a persona in seguito a contatto diretto cute-cute o indiretto attraverso abito e letti usati promiscuamente. Poco probabile se non impossibile è un contagio frequentando ambienti dove vivono o comunque sono presenti soggetti affetti dalla malattia. Pertanto nel caso specifico un contagio è altamente improbabile. Non ha assolutamente senso inoltre una profilassi antiparassitaria. Nell'ipotesi estrema che compaiano i sintomi della malattia sarà sempre possibile (dopo aver confermato la diagnosi con la ricerca del parassita nell'epidermide con dermatoscopia ed esame microscopico) instaurare un trattamento anche in gravidanza (trattamento non tossico, ma certamente da non effettuare se non necessario). Potete stare pertanto tranquilli perché la possibilità di contagio è eccezionale e comunque la malattia non provoca danni particolari anche in gravidanza.
Cordiali saluti ed auguri
[#2] dopo  
Utente 142XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio tantissimo per la celerità nella risposta e per le rassicurazioni ricevute. Grazie e buon lavoro.