Utente 142XXX
Salve, sono un ragazzo di vent'anni, affetto da artrite reumatoide (in cura con antinfiammatori, farmaci biologici ecc ). Con la mia ragazza non riesco ad avere rapporti sessuali. L'erezione è presente all'inizio, ma svanisce appena smetto di stimolarla, ad esempio mentre infilo il preservativo! Credo sia un problema psicologico, anche perchè dall'insuccesso, ogni volta, si genera un nuovo fallimento. Ormai mi capita di evitare addirittura l'intimità, e questo non mi piace affatto! Non so in che modo parlarne al medico, ho già fatto delle visite urologiche, in passato, ma il medico non mi è stato di alcun aiuto ( una pacca sulla spalle e via. Sul serio). Non so come affrontare la cosa, e anche con la mia ragazza sta diventando pesante. C'è qualche farmaco che posso prendere in considerazione (sotto prescrizione, ovviamente) almeno per ridarmi un po' di sicurezza, che ormai sta svanendo sempre più? Il desiderio c'è, ma quando serve ... l'erezione sparisce.
Un grazie anticipato.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore, èrima di tutto via quelprofilattico, che non sarebbe certo il primo a risolvere i problemi utilizzando sistemi anticoncezionali più decenti. Vada al consultorio giovani della ASL dove ci sono spazi appositi per la contraccezione. Quanto alla artrite reumatoide ed ai suoi farmaci c' entra poco o nulla col suo problema. Se il problema dovesse permanere alla rimozione derofilattico tempo un mesetto, consulti un collega per valutare che non vi siano altre cauise.
[#2] dopo  
Utente 142XXX

Iscritto dal 2010
Dottore la ringrazio per la veloce risposta. Effettivamente eliminare il preservativo sarebbe un' ottima soluzione, fin ora ho un po' temporeggiato perchè non vorrei far prendere alla mia ragazza una pillola anticoncezionale per nulla. Ad esempio, le erezioni al mattino sono assenti o deboli, ed anche durante la giornata, le cose non cambiano molto. Eppure io credo sia un fatto psicologico, dovuto al modo in cui sto vivendo la cosa. Assieme alla mia lei, prima dell'atto vero e proprio, va tutto bene, poi all'improvviso l'erezione svanisce. Oltre ad eliminare il profilattico (lo farò senz'altro) lei sconsiglia l'uso di un qualche farmaco come "spinta iniziale"? Ne avrei bisogno, ora come ora.

La ringraziona ancora.


[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Un bravo andrologo sconsigli farmaci erettogeni ed agisce sulla causa iniziale. La pillola non fa nulla.