Utente 142XXX
Salve dottore mi chiamo antonio ho 38 anni ed amo lo sport specialmente il calcio, ma ho un problema che mi assilla da anni e che non son riuscito a risolvere ancora pertanto chiedo il VS. aiuto.Voglio precisare che gia faccio dei controlli periodici(analisi del sangue elettroCG,ecoCG,Holter dinamico,holter pressorio visita cardiologica) perchè da circa 4 anni soffro di una lieve ipertensione. Io gioco a calcio a 5 a livello amatoriale e faccio 1 o 2 patite a settimana nel 95% dei casi e tutto a posto, ma a volte mi capita che su uno scatto oppure su un semplice stacco di testa il mio cuore comincia ad andare in agitazione e mi porta squilibrio alla vista e senso di svenimento anche se mi fermo il cuore continua a battere all'impazzata. Ivece a volte capita che il cuore si tranquillizza pero' appena accenno a riprendere l'attivita mi si agita di nuovo portandomi gli stessi sintomi.L'ultimo episodio mi è capitato proprio l'altra sera dopo aver giocato giusto una ventina di minuti ho dovuto smettere ho fatto la doccia e sono ritornato a casa abito al secondo piano e ad ogni rampa di scale mi dovevo fermare perche mi si agitava di nuovo e rischiavo di perdere i sensi. Arrivato sopra sono andato a dormire ed il giorno dopo al risveglio stavo meglio ma non bene mi sentivo una spece di oppressione e di agitazione fiacchezza e voglia di stare disteso solo al terzo giorno i sintomi sono spariti.Questa volta mi ha dato fastidio + del solito ,pertanto chiedo consiglio a lei su quale strada intraprendere. LA RINGRAZIO DI CUORE ANTICIPATAMENTE.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
sebbene la tachicardia che lamenta, durante l'attività fisica, potrebbe dipendere semplicemente dal solo sovrappeso è comunque utile a mio avviso che lei si sottoponesse ad un test da sforzo, onde escludere eventualmente cause ischemiche o legate ad un eccessivo rialzo pressorio. Effettui inoltre un controllo emocromocitometrico e della funzionalità tiroidea. Si rivolga per eventuali dubbi sempre al curante.
Saluti