Utente 136XXX
ultimamente ho notato, che durante le mie consuete sessioni di jogging (circa 2-3 la settimana, per circa un'ora di durata) la mia frequenza cardiaca raggiunge facilmennte 180-190 pulsazioni al minuto, soglia che prima, per essere raggiunta, necessitava di un ritmo decisamente, molto più sostenuto.
ciò mi costringe a rallentare per rientrate nella zona di allenamento corretto.
Aggiungo che ho 36 anni; che mi alleno da circa 10 anni; che la mia frequenza a riposo si attesta sulle 58-60 pulsazioni; che ho eseguito ECG, ECG DINAMICO SECONDO HOLTER, ECOCARDIOGRAMMA, ECO-CARDIO-COLOR DOPPLER E PROVA DI SFORZO, sempre con esito negativo, tranne qualche, isolata, extrasistole ventricolare.

da cosa può dipendere? posso andar tranquillo?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
in genere non è possibile mantenere a lungo lo stesso ritmo cardiaco durante le fasi di allenamento, sebbene questo sia costante o avvenga sullo stesso percorso, ciò perchè un incremento della frequenza cardiaca può dipendere da tante variabili diverse tra loro (ambientali e/o fisiche): ad es. forma fisica inadeguata, lieve incremento del peso corporeo, alterate condizioni meteorologiche, diversità di percorsi, ecc...
Visto che ha eseguito tutti i controlli cardiologici ed è inoltrte asintomatico, non ravvedo motivi di eccessiva preoccupazione.
Saluti