Utente 142XXX
cari dottori,
sono un ragazzo di 18 anni e ho questo problema:
una sera d'estate di 2 anni fa circa mi sono svegliato di colpo non riuscendo più a respirare dal naso e dalla bocca, cioè l'aria entrava ma era come se non riuscisse ad arrivare ai polmoni. Da qual momento ora di notte faccio fatica a respirare dal naso e ieri sera 08/01/2010 non riuscivo neanche a respirare normalmente con la bocca ed è da un pò di tempo che ho un senso di oppressione al petto che percepisco maggiormente se coricato inclino la testa in avanti come ad esempio quando la appoggio al cuscino; inoltre soffro di tachicardia, almeno come dice mia madre, quando faccio attività fisica se prima non faccio un buon riscaldamento il cuore inizia a battermi forte, divento un po' pallido e inizio a sudare freddo. Mia madre afferma che è una cosa passeggera molto frequente negli adolescenti. C'è ancora una cosa, quando fumo (non molto spesso qualche sigaretta giusto con gli amici) sento lo stesso senso di pesantezza al petto come quando sono sdraiato. Annualmente faccio l'elettrocardiogramma per l'attività fisica e mi hanno trovato un po' di aritmia cardiaca, ma mi hanno sempre lasciato continuare a fare sport. Quindi non devo preoccuparmi? ma mi sembra che la cosa stia sempre peggiorando di più ed è da maggio dell'anno scorso che non mi sottopongo più all' elettrocardiogramma. Ma se non devo preoccuparmi allora a che cosa è dovuta la sensazione di pesantezza e la mia difficoltà nel respirare? Forse avete già risposto a quesiti simili, ma io non ne ho trovati, quindi vi prego rispondetemi perché sono preoccupato.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enzo Boncompagni
28% attività
0% attualità
12% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Guarda caro amico di Alessandria, non credo che tu sia malato di cuore. Fai una visita dall'otorinolaringoiatra. Ma sopratutto smetti totalmente di fumare, perchè ti fai solo danni. Cordialità.