Utente 143XXX
Salve,sono un ragazzo di 22 anni e da tre mesi a questa parte ho l'abitudine di fumare dell'oppio su carta stagnola,ho cominciato a causa di alcuni miei disturbi di ansia,ero spesso agitato e irrequieto ma anche sicuramente perchè riesco, fumando oppio, a stare bene con le persone che mi circondano e ad interagire senza paure o timidezza, ma fondamentalmente il mio mio disturbo principale è l'agitazione.Volevo sapere se posso ritenermi dipendente dall'oppio(non ne fumo mai più di mezzo grammo al giorno)e se esistono dei farmaci senza bisogno di ricetta medica che possano sostituirlo per quel disturbo di ansia seppure lieve che le dicevo.grazie in anticipo.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

è bene che finché è in tempo, se la ragione di tale assunzione era ed è in una forma di ansia, si faccia visitare e intraprenda una cura per l'ansia.
L'oppio fumato, così come in altre forme di assunzione, comporta il grave rischio della tossicodipendenza da oppiacei (morfina), malattia cronica che necessita di una terapia a lungo termine e ha tutta una serie di danni collaterali. E' né più né meno come quella da eroina, che è una variante della morfina.
Non sto parlando qui di assuefazione, ma di tossicodipendenza (nel caso in cui correlasse il rischio al fatto di essere o meno "in astinenza" se non lo assume - questo non è il punto fondamentale della tossicodipendenza).
Al momento è bene che quindi chiarisca il suo stato diagnostico rispetto all'uso di oppio, la sua diagnosi psichiatrica di base e che intraprenda se mai un percorso terapeutico per l'ansia.
Indipendentemente dalle ragioni per cui si inizia a farne uso frequente, l'oppio induce tossicodipendenza. Quindi se per dire oggi è possibile passare ad una cura non rischiosa, può darsi che invece domani non sia più così semplice perché si è instaurato un legame "maligno" con l'oppio.

I farmaci necessitano di ricetta medica. Non si orienti verso l'autogestione dell'ansia aggirando il medico, altrimenti incorrerà o in prodotti privi di sostanziale utilità, o in droghe.