Utente 143XXX
Salve,
mia madre è stata operata due settimane fa di un carcinoma in situ alla mammella che (dopo i risultati) si è rivelato invasivo. Settimana prossima dovrà fare una scintografia ossea e domani un ecografia al fegato. Quante probabilità ci sono, leggendo il referto che gli ho copiato, che ci siano metastasi? Se non ci sono segni di altre patologie è necessaria una chemioterapia preventiva? Perché?
Grazie mille per le risposte, è stato veramente un brutto colpo dato che eravamo entrambe molte positive.

carcinoma duttale invasivo della mammella sinistra senza metastasi linfonodali pT1c pN01s
Es istologico: ca duttale invasivo, G3, diametro mm15, associato a ca duttale in situ;
margini liberi da neoplasia. ER-ICA positiva (> 66%), PgR-ICA negativa, p185 C-Erb- B2 (neu)
1+ (negativo), MIB-1: > 30%. Assenza di metastasi al linfonodo ascellare esaminato (linfonodo
sentinella).
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Si tratta di un tumore che presenta alcune caratteristiche aggressive, ma nello stesso tempo predittive di una buona risposta ad una terapia adiuvante.

Quindi il quadro suggerisce un cauto ottimismo.
[#2] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la risposta.

Quali sono le caratteristiche positive di questo tumore?
Potrebbe aver già invaso altre aree del corpo, in così poco tempo?

Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Nessuno può saperlo, ma il fatto che il linfonodo sentinella risulti negativo è una buona notizia.