Utente 143XXX
Buongiorno.Operato lo scorso febbraio per infarto miocardio(con 4 angioplastiche e 2 stent medicati)devo adesso fare i conti con una pericardite recidivante che sto curando con cortisone(10mg),colchicina e flectadol(500 mgx2),a scalare per lungo tempo(mesi),tutto ovviamente associato ai farmaci che devo prendere quotidianamente per le mie coronarie(triatec,congescor,plavis e torvast oltre al gastroprotettore pantorc40).Molte medicine quindi e non so prospettare con quali effetti collaterali nel corso del tempo.Attualmente la mia grande preoccupazione consiste nel valore dell mia pressione,costantemente molto elevato-specialmente il valore diastolico-nell'arco della giornata.Di mattina appena alzato la misurazione standard è sempre 145-105,poi nel corso della giornata cala un po'con valori più bassi nel tardo pomeriggio ma sempre con diastolica intorno ai 90 e piue con sistolica anche a 120 normale).Sono molto peoccupato,perchè nonostante abbia anche aumentato l'assunzione del triatec(5mg mattino e sera)i valori rimangono identici se non aumentati.Può avere attinenza con l'assunzione del cortisone??Se il triatec non funziona devo cambiare terapia?'Che rischio corro nelle mie condizioni con un ipertensione di questo tipo??
E ancora:avendo 44 anni e avendo sempre svolto una vita sana ,sportiva,senza fumo con valori del sangue ottimali,è possibile che una ipeertensione cronica-mai veramente controllata nel tempo-abbia potuto portare da sola alla mia cardiopatia ischemica???
Un grazie infinito per le risposte
Luca R.
[#1] dopo  
Dr. Enzo Boncompagni
28% attività
0% attualità
12% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Caro amico di Bologna, lei ha certamente il problema della ipertensione arteriosa, e ho l'impressione che la trapia debba essere rivista. Questo è ancora più importante visti i problemi coronarici che lei descrive. Il cortisone non c'entra. Cordialisaluti. L'ipertensione di solito crea problemi alle arterie: nel suo caso è possibile, ma non si può dire nulla di certo.
Cordiali saluti.