Utente 978XXX

Gentili medici,
sono donna e ho 32 anni, ciclo regolare, non assumo pillola e/o simili, ho sempre avuto la pelle secca e sottile sia del viso che del corpo, mettevo creme e oli anche molto grassi per idratarla, uguale per i capelli, questo fino a circa tre anni fa, quando gradualmente la situazione è cambiata.
La cute nelle zone della schiena e del dorso è diventata più grassa, con impurita e piccoli brufoletti. In generale la secchezza è scomparsa. Anche il cuoio capelluto è diventato più sebaceo... cosa che prima non accadeva! Il problema è il cattivo odore che a volte sento negli indumenti nelle zone della schiena.
Cosa può essere cambiato? Come posso risolvere? Sono una meticolosa dell'igiene e della detersione (non ho problemi di cattiva o eccessiva sudorazione invece), faccio la doccia ogni giorno estate e inverno, utilizzo un sapone neutro di farmacia o altri detergenti delicati, pratico lo scrub locale di dorso e petto due volte la settimana, ma non risolvo il problema impurità e odore sgradevole sugli indumenti nella zona della schiena (dalla sera alla mattina). E' un problema di alimentazione?
Non mangio alimenti grassi, ho intolleranze alimentari e sto molto attenta...
Sono gli ormoni? Vi prego datemi qualche consiglio su prodotti o comportamenti che risolvano o aiutino il mio problema, ho anche l'olfatto particolarmente sviluppato e odio sentire anche solo la leggera presenza di questo odore, sia sulla pelle sia sui capelli (che pero' non lavo tutti i giorni essendo secchi sulle lunghezze).

Grazie infinitamente.

M.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Si possono essere i piccoli disequilibri ormonali a creare questo disturbo, ma spesso sono isituazioni slegte da alterazioni rilevabili sierologicamente (problema di itipo recettoriale cutaneo).

E' impossible stabilire diagnosi e tantomeno terapie se non si fa la diagnosi: solo quella diretta dal dermatologo è plausibile e dopo questa vedrà che riuscirà ad avere una buona terapia (ad oggi esistono presidi efficaci associati a peelings particolari ad esempio). Gli alimenti non c'entrano invece nulla.

cari saluti

Dott. Laino, Roma