Utente 143XXX
Salve
prima di sottopormi a eventuale trattamento ortodontico prechirurgico, vorrei conoscere controindicazioni,rischi, complicanze, condizioni che favoriscono recidive, legati agli interventi di espansione chirurgica del palato e osteoctomia del mascellare-mandibolare per correggere un' eventuale terza classe. Questo difetto per il momento non mi crea dolore fisico. Ho 37 anni.

In passato ho sofferto di nevralgia del trigemino secondaria, causata da una carie.
Recentemente ho avuto due episodi di riassorbimento radicolare ( uno a distanza di due anni dall'altro )riguardanti due diversi denti ( il primo perfettamente sano e mai otturato; un incisivo superiore e un premolare inferiore, quest'ultimo è in corso di trattamento )
Ringrazio per l'attenzione
Cordiali saluti
Sere

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
domande legittime le sue che troveranno risposta nel consenso informato che le verrà sottoposto e che dovrà firmare e nelle spiegazioni che il suo curante dovrà darle specificatamente per il suo caso
se dovessimo cercare di rispondere ne verrebbe fuori un trattato e dovremo stare sul generico non avendo documentazioni ne avendola visitata
per la nevralgia più facile sia stata contestuale alla carie, difficilmente provocata da una carie
in virtù invece del riassorbimento radicolare lei potrebbe essere un paziente a rischio da questo punto di vista per il trattamento ortodontico
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dott. Finotti, grazie per la risposta.
L'episodio di nevralgia del trigemino, risale a 7 anni: solo dopo una panoramica delle arcate dentarie che aveva messo in luce un dente completamente nero ( la caire era coperta dall'otturazione quindi non era visibile a occhio nudo )si era concluso che il nervo del dente infiammato toccava, stimolava il trigemino ( scusi non riesco ad esprimermi con un linguaggio specifico ; devitalizzando il dente, il dolore era praticamente scomparso. Rimaneva un fastidio...il mio dentista attuale ha poi ritrattato il dente, la cui radice non era stata pulita fino in fondo.

[#3] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dott. Finotti, grazie per la risposta.
L'episodio di nevralgia del trigemino, risale a 7 anni: solo dopo una panoramica delle arcate dentarie che aveva messo in luce un dente completamente nero ( la caire era coperta dall'otturazione quindi non era visibile a occhio nudo )si era concluso che il nervo del dente infiammato toccava, stimolava il trigemino ( scusi non riesco ad esprimermi con un linguaggio specifico ; devitalizzando il dente, il dolore era praticamente scomparso. Rimaneva un fastidio...il mio dentista attuale ha poi ritrattato il dente, la cui radice non era stata pulita fino in fondo.

[#4] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
così ho capito; per una pulpite si è scatenato un dolore irradiato
[#5] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio ancora
[#6] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Mi scusi Dott. Finotti,
so che questa non è sede per ipotizzare diagnosi, ma il mio riassorbimento radicolare ( gengiva che si mangia la radice, non riconoscendola come corpo a lei appartenente ), episodico ( 2 episodi in tre anni ), che ha colpito due denti appartenenti ad arcate diverse, sarebbe sostanzialmente PIORREA?
La ringrazio per l'attenzione
[#7] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
la piorrea ( malattia parodontale ) è una malattia del tessuto di sostegno dei denti ( osso e gengiva ) non dei denti
[#8] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Scusi, ma collengandomi al suo sito, si legge che la piorrea è malattia del tessuto di sostegno dei denti, ringuarda quindi anche le gengive.
Il fatto che la gengiva aggredisca la radice del dente, a cosa o a chi è dovuto? Il riassorbimento, in quale ambito va indagato? cioè è un problema di dente o di gengiva?
A quale specialista mi devo rivolgere?
[#9] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
il riassorbimento dentale ( rizalisi ) è una patologia talvolta imprevedibile la cui causa non sempre è spiegabile che non ha uno specialista specifico se non l'odontoiatra.
vi può essere anche una predisposizione al riassorbimento raadicolare, o talvota un riassormineto radicolare da terapia ortodontica, anche corretta
cordiali saluti
[#10] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio, è stato molto chiaro.
Nel mio caso non è dovuto a ortodonzia nè a trauma.
Si potrebbero ipotizzare altre cause?
[#11] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
malocclusione e cause genetiche
cordiali saluti
[#12] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazioe ancora Dott. Finotti.
Non voglio approffitare della sua pazienza,anche se è ciò che sto facendo..
la malocclusione nel mio caso c'è in pieno..infatti lunedì avrò un consulto medico ( però sarei interessata anche al suo parere ) per vedere se posso curarla attraverso un percorso ortodontico/chirurgico...però l'ortodonzia è sconsigliata in qs casi..
Generalmente come si procede? si tenta l'ortodonzia e poi si interrompe in corso d'opera, nel caso si scatenino altri riassorbimenti? o non si tenta nulla?

Esistono degli esami da fare per verificare se sono geneticamente predisposta? Non mi risulta avere altri casi in famiglia.
Lei segue questi casi? o eventualemnte saprebbe da chi altro indirizzarmi?

Grazie ancora, cercherò di non postarle ulteriori domane, promesso.
[#13] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
senza documentazione e visita purtroppo è impossibile dirle di più, mi spiace, ma rischierei di dire cose non corrette per il suo caso
non esistono esami in grado di prevenire queste situazioni
quasi tutti noi specialisti in ortodonzia seguiamo casi come il suo
cordiali saluti