Utente 177XXX
Buongiorno. A seguito di una caduta accidentale ho preso un colpo nella zona costale. Sul momento non ho avvertito alcun dolore, ma nel giro di due giorni si è fatto ingravescente: acuto, con difficoltà ad espandere la cassa toracica e impossibilità a dormire sdraiata.
Al ps hanno eseguito lastre: dolore zona VII-VIII bilaterale - non immagini riferibili con certezza a fratture in atto: in particolare non fratture scomposte.
Non falde di pnx nè versamenti pleurici.
Quindi è una contusione. L'ortopedico sostiene che possa trattarsi di piccole "crepe" non evidenziabili alla radiografia.
Riposo (relativo, perchè in piedi non avverto alcunchè), e dormire in posizione semiseduta.
Da un paio di giorni avverto anche come un "gonfiore" all'interno di tutta la cassa toracica.
A distanza di tempo ricordo che poco dopo la caduta ho avvertito come uno "scroscio"; un rumore come di fluido.
Di cosa si è trattato?
Questa sensazione di gonfiore interno è molto fastidiosa e "sposta" il dolore anche in altre zone costali.
Sembra strano ma è come se "qualcosa" fosse uscito dalla zona costale. Consapevole che a distanza non si possono emettere diagnosi, chiedo cortesemente, un consiglio sul da farsi.
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buonasera,
Il mio consiglio è di ripetere, per sicurezza, una RX torace in due proiezioni a distanza di una settimana dal trauma, per assicurarsi che non vi sia stata un'evoluzione del trauma con comparsa di versamento pleurico o si sia evidenziata una falda di pneumotorace.

Per il resto concordo pienamente con le indicazioni che le sono state fornite: riposo e terapia anti-infiammatoria/antidolorifica al bisogno.

Cordiali saluti.

[#2] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2006
Gentile Dottore, La ringrazio molto.
Sono trascorsi ormai sette giorni dall'evento:
il dolore è forte, soprattutto quando sono a letto, nonostante abbia adottato gli accorgimenti consigliati - posizione semiseduta.
Permane la sensazione di un "gonfiore" interno alle costole.
Ho notato che l'intensità del dolore è rimasta la medesima, quindi nessun miglioramento.
Credo che farò un'altra RX, così come mi ha consigliato.

Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Rimango a sua disposizione in caso di necessità.

La saluto cordialmente.
[#4] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2006
Gentile Dottore,
il dolore alle costole è diminuito anche se ancora non passato del tutto.
Permane la sensazione di "gonfiore" nella regione posta sopra il diaframma, ad ambo i lati.
Ho eseguito, come consigliato, una RX Torace in due proiezioni. Ecco il referto:
Non sono riconoscibili alterazioni pleuroparenchimali a focolaio in atto.
Basi libere da versamenti. Presenza di qualche stria fibrotica interstiziale in esiti in sede basale sovradiaframmatica sinistra. Ili vascolari di media ampiezza. Immagine cardiomediastinica in asse, per dimensioni e morfologia ancora nei limiti.
Aortosclerosi. Accentuata la cifosi dorsale con aspetto lievemente cuneizzato a carico dei metameri dorsali intermedi D6, D7 e D8 con riduzione in altezza in sede anteriore ed intermedia di circa 3 mm.
Per quanto apprezzabile anche dal confronto con il precedente controllo mirato del 18.01.10 non si evidenziano segni radiografici di fratture costali. Tono calcico diffusamente ridotto.
Cordiali Saluti
[#5] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Grazie dell'aggiornamento.

Non mi sembra che ci siano particolari conseguenze da ascrivere al trauma subito.

Viceversa la "cuneizzazione" dei metameri dorsali segnalata corrisponde al territorio di pertinenza dei nervi intercostali che interessano le zone dove lei avverte fastidio. Potrebbe essere utile approfondire la situazione, magari previo consulto con il proprio curante, prevedendo una visita neurochirurgica o ortopedica (la competenza su questo tipo di problemi si trova al confine tra le due specialità) previa esecuzione di una RMN della colonna dorsale.

Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2006
Gentile Dottore,
il fastidio però esiste da quando sono caduta.
La cuneizzazione credo sia preesistente, vero?

Cordiali Saluti

[#7] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

anche ammettendo che la cuneizzazione delle vertebre sia preesistente, è comune che gli eventi traumatici (a causa di variazioni anche piccole) possano rendere sintomatiche o esacerbare delle condizioni pregresse che in precedenza davano poco o nessun fastidio (come ad es. colpo di frusta in paziente che già soffriva di sindrome cervicale).

Cordiali saluti.