Utente 144XXX
mi sn tagliato la mano destra sul dorso e mi si è reciso di netto il tendine estensore del 3°dito

mi hanno operato e ricucito il tendine e ne avrò per 30 giorni con stecca più riabilitazione

dato ke mi alleno in palestra con pesi alti, dopo quanto potrò tornare ad allenarmi al meglio senza correre rischi di rottura del tendine?

il tendine nn si cicatrizza ma si salda con un callo tendineo, è vero? è cm per le ossa che se rotte si inspessiscono grazie al callo osseo?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Egr. Utente,
il processo di guarigione di un tendine avviene con la formazione di tessuto fibroso ripartivo (collagene) che può essere definito "cicatriziale" e che si interpone tra i due capi tendinei affrontati. Questo tessuto fibroso ha caratteristiche meccaniche differenti rispetto al tendine originale, presentando minore elasticità. I tempi di maturazione del connettivo cicatriziale nel tendine sono di circa 21-28gg.
Al termine di questo tempo, il tendine riparato può essere paragonato ad un tendine normale sotto il profilo della resistenza meccanica. Occorre però cautela nella mobilizzazione. Infatti un tendine riparato spesso sviluppa aderenze e occorre "allenarne" lo scorrimento. Inoltre il periodo di immobilizzazione può causare una riduzione del tono del muscolo e pertanto occorrerà, prima di affrontare uno sforzo, effettuare una adeguata preparazione muscolare! Si rivolga ad un bravo terapista!!!
Cordiali Saluti e Buona rieducazione!
[#2] dopo  
Utente 144XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille, la sua spiegazione è stata utilissima.

Un'ultima domanda: 30 giorni di stecca sono giusti o sono troppi per una successiva mobilizzazione?
[#3] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Egr. Utente,
i tempi di immobilizzazione vengono stabiliti sempre dallo specialista che effettua l'intervento riparativo sulla base di una serie di considerazioni anatomiche e funzionali. Non posso entrare nel merito di una indicazione stabilita da un collega in quanto non ho avuto modo di visitarLa! In linea generale ritengo corretta la prognosi formulata all'inizio dal collega operatore. Cordiali Saluti,
[#4] dopo  
Utente 144XXX

Iscritto dal 2010
Mi scuso in anticipo se abuso della sua disponibilità ma mi continuano a sorgere dubbi.

Posso fare elettrostimolazione dei muscoli pettorali per non perdere del tutto l'ipertrofia o di riflesso potrei affaticare il tendine?

Quando posso iniziare un'attività cardio tipo corse o cyclette?

Grazie ancora
[#5] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Egr. Utente,
non ritengo controindicata l'elettro-terapia pro tono muscolare al pettorale e direi che per quanto riguarda corsa e Cyclette può già farlo, a patto che non avvengano sollecitazioni dirette (urti e traumi diretti) sul raggio digitale operato. In altre parole: allenamento sì ma con un pò più di attenzione e cautela!!!!!
Saluti,
[#6] dopo  
Utente 144XXX

Iscritto dal 2010
Il decorso sta procedendo molto bene, ho tolto i punti esterni sabato, il dolore e il gonfiore sono spariti. Ho ancora la stecca immobilizzatrice.

Avrei ancora 2 domande:

Mi hanno detto che i punti sul tendine non me li tolgono e non sono nemmeno riassorbibili. Avrò perciò per sempre il tendine "rinforzato", non mi potrà dare problemi quali dolore, flogosi o problemi meccanici in futuro?

Appena tolgo la stecca per riapprocciarmi all'attività del tronco e delle braccia oltre alla rieducazione e alla fisioterapia va bene nuotare in stile libero o potrei avere problemi di stress sulla mano nella spinta nell'acqua?

Ringrazio in anticipo per la gentilezza e le utilissime risposte.
[#7] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Egr. Utente,
i punti di sutura tendinei non riassorbibili generalmente non danno problemi. In qualche selezionato e raro caso possono creare modeste reazioni locali di tipo infiammatorio e "granulomatoso". Tale complicazione è rara e generalmente di scarsa entità e si manifesta con la presenza di piccole masse dure e dolenti in corrispondenza della zona soggetta a sutura. Talvolta può richiedere un piccolo intervento in anestesia locale per rimuovere il "granuloma". Non si preoccupi "invano"! Solo se dovesse presentarsi tale problematica occorre una semplice ecografia e una visita orpedica o di chirurgia della mano. Non occore al momento nessun tipo di accorgimento o limitazione. Anzi cerchi di riprendere un uso pieno e naturale della sua mano! Anche sotto il profilo sportivo.
[#8] dopo  
Utente 144XXX

Iscritto dal 2010
Mi sono tolto la stecca Lunedì scorso 15 Febbraio 2010 dopo un mese di immobilizzazione. Facendo riabilitazione tutti i giorni con un pò di dolori e difficoltà adesso chiudo la mano e la uso normalmente.

Detto ciò ieri sono andato in palestra e tranquillo di ciò che anche lei mi aveva detto ho iniziato un pò a caricare pesi, senza riscontare alcun minimo problema, anzi la mano rispondeva benissimo.

Oggi però sono andato a fare la visita finale e ho chiesto al medico ortopedico di turno(non quello che mi ha operato perchè non c'era) come andava, e lui: TUTTO PERFETTO. Poi ho chiesto se potevo riprendere gli allenamenti di bodybuilding tranquillamente, ma lui mi ha detto: NO! Aspetta almeno 3 mesi!

Adesso io penso che lui mi abbia voluto dare la solita risposta politically correct per evitare qualsiasi tipo di ripercussioni sul loro reparto di ortopedia, perchè se il tendine si salda in 28 giorni massimo, io mi sento benissimo, perchè dovrei stare fermo fino a quest'esate??

Volevo il suo ultimo consiglio e colgo l'occasione per salutarla e ringraziarla ancora di tutto.
[#9] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Egr. Utente,
l'atteggiamento prudente del collega è facilmente comprensibile e condivisibile. Nella ripresa delle sue attività deve essere in grado di "non esagerare". Spesso chi si dedica ad attività pesistica e di fitness culturistico tende ad eccedere con gli sforzi, magari preso dall'entusiasmo e dal sollievo per essere uscito dalla convalescenza post chirurgica. Le chiedo di essere PRUDENTE: faccia attività sugli altri segmenti corporei, faccia liberamente piscina, bici, corsa ed attività a corpo libero. Limiti però gli sforzi di pesistica sulla mano operata per il periodo di tempo consigliatole dai medici operatori. Il tendine è cicatrizzato ma uno sforzo eccessivo e violento potrebbe causare fastidiose infiammazioni (TENDINITI) che sono lentissime poi a guarire. Cordiali Saluti,